Coldiretti Marche: polizze contro il clima pazzo ma poche aziende sono coperte: “Strumento necessario”

1' di lettura 05/08/2020 - Gli agricoltori continuano a fare la conta dei danni ma ad oggi meno di 700 aziende sono assicurate per eventi meteo estremi che, purtroppo, stanno diventando una triste consuetudine. Alle grandinate di lunedì che hanno colpito soprattutto il maceratese e portato danni anche a San Marcello e Belvedere Ostrense, si sono aggiunte le precipitazioni di ieri che hanno interessato soprattutto l’hinterland anconetano.

Agugliano Polverigi e Offagna lamentano danni alle viti e agli olivi. Per il settore olivicolo si prevede una perdita del 70% mentre guai anche al girasole per il quale si prevede un minore sviluppo delle piante.

“Il sistema assicurativo è diventato, nel tempo, uno strumento imprescindibile per l’attività dell’azienda agricola” - spiega Alberto Frau, direttore di Coldiretti Marche – da settembre saremo fortemente impegnati per promuovere al meglio questa possibilità per le aziende agricole”.

Ad oggi, secondo dati Ismea, la maggior parte delle aziende agricole assicurate sono nel settore vitivinicolo o coltivano grano duro ma appena il 4% della superficie agricola regionale è coperta da un’assicurazione anche se buona parte della polizia è rimborsata attraverso i fondi europei.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-08-2020 alle 21:37 sul giornale del 06 agosto 2020 - 153 letture

In questo articolo si parla di attualità, economia, maltempo, coldiretti, coldiretti marche, danni, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsCp





logoEV