Jesi in Rima: "Du gocce d'acqua"

Pioggia, maltempo 1' di lettura 05/08/2020 - Una nuoca poesia in rima dialettale, sulla pioggia di questi giorni.

E falle du' gocce, tanto non ce fa male,
è come i coriandoli i giorni de Carnevale...
è come l'Ojio Santo, l'acqua Benedetta,
come l'antirugine pe' le ròde de la bicigletta!
E tròna e lampa e je da' giù a pacca'
e pioe a Tolentino, Ancona e a Sarna',
pioe su li tetti, i palazzi, i condomini
le fogne rda' fòri, se 'llaga i tombini
'l Viale de la Vittoria è 'n fiume in piena,
i bidu' della monnezza mumenti fa' pena,
viaggia avanti e indièdro e se svèrtiga pure
intanto vedi la gente senz'ombrella che cure...
Chi se ripara sotta all'alberi disperado
e sto' tempo 'l manna già a moriàmmazzado,
vòlea gi' tutti al mare e intanto fa' 'l bagno
nte' le pozzanghere che pare no' stagno...
Fa' che 'rtorna 'l sole e ve fo' vede io,
me 'mbriago de tintarella quant'è vero Dio...
Ma però con quel caldo non ce se podéa
sci' durava n'antro po' 'n gne' se la facéa,
tutti a sbruffa' 'nzuppi accaldadi,
addosso i vestidi mezzi appiccigadi,
e ndo' t'arinfrescavi n'antro bocco'?
Giusto al Supermercado vicino al bango'
dei salumi, formaggi e cibi surgeladi
che prima de pagalli li tenei stretti abbracciadi!






Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2020 alle 11:29 sul giornale del 06 agosto 2020 - 488 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsxx





logoEV