Spettacolo: "X-Files", da cult anni '90 a ispirazione per opere contemporanee

4' di lettura 16/09/2020 - Non è un mistero che numerose serie TV siano entrate a far parte della cultura popolare grazie a scene cult, colonne sonore immediatamente riconoscibili, attori dalle apparenze estetiche e dai look iconici e trame avvincenti.

Nel caso di “X-Files”, addirittura, tutti questi elementi possono essere ritrovati nella stessa serie e sono tanti i fattori che hanno contribuito a creare un vero e proprio alone mitico attorno a questa produzione Fox: tanto è vero che quando il cast originale si è riunito per beneficenza, il video dell’esibizione ha subito spopolato sui social. Dopo tanti anni, perciò, l’interesse è ancora alto: ecco cosa rimane oggi della serie TV, del relativo merchandising e di tutte le fonti di ispirazione che ha contribuito a creare e che hanno a loro volta ispirato altri artisti, incluso uno scrittore marchigiano "a sorpresa".

Il mito di “X-Files”, tra collezionismo, passione e ispirazione

La prima puntata di “X-Files” è stata trasmessa il 10 settembre 1993, mentre l’ultima risale al 21 marzo 2018: nell’arco di oltre 20 anni, più di 200 episodi (218 per l’esattezza) e due film, il pubblico si è non solo affezionato alle avventure dei due agenti speciali dell’FBI Dana Scully e Fox Mulder, ma ha continuato a seguirli anche attraverso numerosi prodotti e attività collaterali alla serie stessa. Sicuramente una delle prove più eclatanti è il collezionismo di DVD e Blu-Ray relativi alla serie, come quelli in vendita online su Amazon, disponibili in cofanetti che contengono tutti gli episodi andati in onda e contenuti speciali, ma anche la nascita di numerosi omaggi alla serie, come ad esempio la slot machine “X-Files” disponibile in questo casinò online italiano che vede come protagonisti i due agenti Mulder e Scully, oppure ancora le numerose t-shirt tra cui quelle che riportano la storica frase “I want to believe” (la cui traduzione in italiano è “voglio crederci”, in riferimento al mondo del paranormale). E non solo: il mondo degli alieni e dei misteri irrisolvibili ha a sua volta influenzato numerosi scrittori internazionali, come Kenneth Ring nel suo “Progetto Omega”, e artisti nostrani, come dimostrano i romanzi “Mikauula”, “Destiny, avventure ai margini della galassia” e “Trappist Terzo” dello scrittore di Jesi Michele Scalini.

“X-Files” oggi: dai video virali alle carriere di successo dei protagonisti

Tornando al piccolo schermo, in compenso, la fama del telefilm non ha portato che fortuna agli attori che interpretavano i protagonisti: volti noti degli anni ’90 e dei primi 2000 continuano a essere amati dai fan e dagli appassionati di serie TV simili, lieti di seguirli anche in altre “avventure” estranee a “X-Files”. Oltre al video di cui è stato già accennato in precedenza, pensato per raccogliere fondi per beneficenza destinati all’associazione no profit World Central Kitchen e che vede i protagonisti intonare l’inimitabile motivo della sigla del telefilm, non mancano infatti le nuove iniziative televisive di David Duchovny (l’agente Mulder) e Gillian Anderson (l’agente Scully). Il primo, oggi sessantenne, ha preso parte a numerose serie TV, e spicca il suo ruolo da protagonista nel telefilm di Showtime “Californication” (trasmesso dal 2007 al 2014), mentre Gillian Anderson, oltre a qualche apparizione sul grande schermo, ha collezionato ruoli notevoli in serie TV come il telefilm thriller “Hannibal” e il poliziesco “The Fall – Caccia al serial killer”.

“X-Files” è stata una delle serie più amate prodotte da Fox: ancora oggi ha lasciato un segno non indifferente nella cultura pop e nella memoria dei tanti telespettatori che l’hanno seguita, oltre a rimanere un modello di riferimento per tante altre serie TV. Ma non finisce qui: continua a destare interesse per i temi che ha trattato anche grazie alla sua “eredità” fatta di omaggi, ispirazioni, romanzi e di tutte le altre opere collaterali che trattano argomenti affini a quelli narrati.








Questo è un articolo pubblicato il 16-09-2020 alle 15:53 sul giornale del 16 settembre 2020 - 16 letture

In questo articolo si parla di articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwd7





logoEV