Calcio: pareggio equo tra Jesina e Fabriano Cerreto, finisce 1-1

3' di lettura 27/09/2020 - Clima insolito al Carotti per questo match di esordio per il campionato di Eccellenza, ospite il Fabriano Cerreto di mister Pazzaglia.

Niente pubblico, campo reso scivoloso dalla pioggia, due squadre ancora visibilmente in rodaggio, che hanno dato vita a una partita modesta, resa viva da due lampi, le due reti, per una divisione della posta in palio decisamente equa.

Del resto, dopo tanti mesi di stop degli impegni ufficiali, amichevoli a parte, probabilmente non si poteva chiedere di più ai ventidue in campo e il silenzio per gli spalti vuoti sicuramente ha provato i giocatori di quel pizzico di peperoncino, che li poteva stimolare.

Per ora tanto vale accontentarsi e pensare a migliorare e costruire, mattone dopo mattone, un futuro ancora da scoprire.

Al 12’ passa in vantaggio il Fabriano Cerreto; azione fotocopia, dopo quella di un paio di minuti prima, palla a Battisti, ben appostato sul vertice destro dell’area Jesina. Il tiro è debole, ma sulla ribattuta Marengo è bravo ad anticipare tutti e trovare il tempo per battere Anconetani. 0-1.

La squadra di casa si fa viva al 15’, quando Sampaolesi batte un calcio di punizione, scodellando al centro la palla. Qualche brivido per la difesa ospite, che riesce a respingere, con Papa appostato in buona posizione.

Nella ripresa bella azione di Papa, al 3’: bel pallone proposto a Rossini, che però, nel cercare l’angolo più difficile per il portiere ospite, calcia troppo alto.

Al 6’ ancora Rossini protagonista sulla fascia laterale sinistra, buono il cross, ma Barchiesi colpisce male di testa schiacciando la palla a terra.

Quando il Fabriano Cerreto sembra avviarsi verso la vittoria, al 38’, il difensore Vispi commette un errore imperdonabile, andando a colpire la palla con un braccio, in una situazione in cui non sembrava esserci un immediato pericolo.

Il direttore di gara Giorgini di Pesaro è irremovibile, del resto non ci sono proteste: è calcio di rigore. Gabrielloni, subentrato a Rossini qualche minuto prima, non concede scampo a Santini. 1-1.

Uniche emozioni fino al triplice fischio, se di emozioni si può parlare, un accenno di rissa tra i giocatori delle due squadre al 42’, che costa il cartellino giallo a Zagaglia e Pagliuca e l’espulsione di Pazzaglia al 46’, per proteste, dopo un off-side fischiato, l’impressione è che la guardalinee non abbia sbagliato, all’attacco ospite, con la panchina tutta in piedi.

Risultato alla fine più che giusto.

JESINA-FABRIANO CERRETO 1-1

Jesina: Anconetani G., Martedì, Calcina (29 st Gabrielloni), Zagaglia, Lucarini, Mistura, Rossini (17’ st Garofoli), Giovannini, Papa, Sampaolesi, Barchiesi. All.: Strappini.

Fabriano Cerreto: Santini, Buldrini, Candolfi, Trofo, Stortini, Lispi, Spuri (29’ st Ciciani), Marengo, Perri (22’ st Mulas), Pagliuca, Battisti. All.Pazzaglia.

Arbitro: Giorgini di Pesaro.

Reti: 12’ pt Marengo, 38 st Gabrielloni (R)

Ammoniti: 30’ pt Rossini, 22’ st Trofo, 42’ st Zagaglia e Pagliuca. Al 46’ espulso l’allenatore ospite Pazzaglia.

Calci d’angolo: 2-3






Questo è un articolo pubblicato il 27-09-2020 alle 18:31 sul giornale del 28 settembre 2020 - 648 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bw8B





logoEV
logoEV