Quantcast

Parla il volontario del vaccino-Covid: voglio fare quello "vero"

1' di lettura 02/12/2020 - Antonio Metastasio, operatore del servizio sanitario e psichiatra del National Health Service inglese, sarà probabilmente uno dei primi italiani a ricevere il vaccino anti-coronavirus della Pfizer-Biontech

Questo vaccino sarà disponibile in Gran Bretagna dalla prossima settimana, ma non gli sarà possibile per ora sottoporsi all'immunizzazione in quanto volontario nella sperimentazione di quello AstraZeneca-Oxford per il quale non sa ancora se ha ricevuto una dose sperimentale o di placebo. Il trial del quale fa parte Metastasio, psichiatra e geriatra originario di Terni che vive con la famiglia a Cambridge, si svolge in 'doppi cieco', cioè né lui né i medici che lo seguono sanno se gli sia stato somministrato il vaccino sperimentale o il placebo (due le dosi già ricevute).

E non lo dovrà sapere fino a giugno dell'anno prossimo. "La mia intenzione, annuncia Metastasio, è però di scrivere a breve una mail all'Università di Oxford che coordina lo studio per sapere che tipo di sostanza che ho ricevuto. Questo potrebbe non necessariamente portarmi a uscire dallo studio perché le regole scientifiche ci sono delle eccezioni. Una prevede che quando un farmaco o un vaccino si dimostrino particolarmente efficaci contro una malattia chi partecipa allo studio ha diritto a sapere cosa gli sia stato somministrato. Perché se ha avuto il placebo può avere il vero vaccino per mettersi al sicuro. E io, conclude Metastasio, voglio vaccinarmi"






Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2020 alle 17:58 sul giornale del 03 dicembre 2020 - 3426 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEkz





logoEV