Riapre a Serra de' Conti la chiesa di San Fortunato

30/11/-0001 -
Autentico gioiello incastonato nella campagna di Serra de' Conti, la chiesa di San Fortunato, uno dei monumenti più insigni del territorio serrano, abbellita da un delizioso portale in cotto e da uno splendido ciclo di affreschi all'interno, sarà ufficialmente riaperta con una cerimonia pubblica il prossimo 21 agosto.

da Comune Serra de' Conti


Il piccolo edificio sacro, un tempo punto di riferimento anche sotto il profilo aggregativo e sociale per la contrada omonima situata nella pianura del Misa, nei pressi della località in cui nell'alto medioevo sorgeva il castello di Donazzano (oggi scomparso), è tornato negli ultimi decenni alla attenzione degli studiosi per la notevole decorazione interna, nel quale in particolare gli affreschi di Andrea da Jesi hanno sollecitato studi ed approfondimenti.

L'amministrazione comunale di Serra de' Conti, la parrocchia di Santa Maria de Abbatissis e la Cooperativa Stalla Sociale di San Fortunato promuovono, ora, l'iniziativa di riapertura dell'edificio. La Cooperativa Stalla Sociale si farà, tra l'altro, anche carico della manutenzione ordinaria della chiesa.

La cerimonia del 21 agosto prevede per le ore 9 una celebrazione liturgica all'interno della chiesa; seguiranno nel pomeriggio alle 17 la messa presieduta da don Severino Sebastianelli, indi la processione con l'effigie della Madonna "Mater Misericordiae", e alle 18,30 una conferenza della professoressa Bonita Cleri, dell'Università di Urbino, sul tema "Gli affreschi di Andrea il Vecchio da Jesi e Giovanni Antronio da Pesaro".

Nel corso della giornata la Cooperativa Stalla Sociale sarà inoltre presente in loco con uno stand dove verrà esposta l'intera linea dei suoi prodotti caseari freschi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 agosto 2005 - 1931 letture

In questo articolo si parla di