Quantcast

Poveri per forza

2' di lettura 30/11/-0001 -
La Consulta per la Pace del Comune di Jesi organizza presso il palazzo dei convegni una mostra fotografica sull’Africa, intitolata “Poveri per forza”, del fotoreporter Mario Boccia, che con le sue immagini invita a riflettere sul concetto di sviluppo che genera crescente disuguaglianza.

dalla La Consulta per la Pace del Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it


La mostra sarà inaugurata sabato 19 novembre, alle ore 17,30, con la partecipazione dell’autore e di Raffaele Salinari, presidente della federazione internazionale “Terre des hommes”.

Mario Boccia è un fotogiornalista specializzato in reportage sociali e di attualità internazionale.Per quindici anni ha lavorato negli scenari di guerra o di alta tensione sociale in tutto il mondo, cercando di individuare segnali di speranza e di ricostruzione anche nelle situazioni più disperate. Le sue foto sono state utilizzate per promuovere campagne di solidarietà promosse da varie organizzazioni no-profit.

Raffaele Salinari, laureato in medicina e chirurgia, ha esercitato la sua professione in Africa centrale dal 1981 al 1989. Dal 2001 è presidente della federazione internazionale “Terre des hommes”, una federazione di organizzazioni che si occupano principalmente dei diritti dell’infanzia nel mondo.
L’iniziativa - si legge in una nota della Consulta per la Pace - ci presenta l’Africa fuori dai circuiti surreali del turismo e che, nella normalità, muore di fame (sete, inquinamento, malattie, guerre) per permettere a noi di morire di indigestione e conservare i nostri standards di vita. Quello che non vogliamo capire è che questi problemi sono anche nostri, perché abitiamo lo stesso pianeta e pagheremo un caro prezzo se non saremo in grado di invertire la tendenza. L’Africa non ha bisogno di elemosina ma di giustizia”.

La mostra resterà aperta fino al 27 novembre, con orario 10-13, 17-20.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 novembre 2005 - 1161 letture

In questo articolo si parla di