x

SEI IN > VIVERE JESI >

Passaparola...al Teatro al prezzo di una birra

7' di lettura
1288
EV

Torna al Teatro Pergolesi e al Teatro Studio l’8^ stagione di teatro giovani promossa da Comune di Jesi (Assessorati alla Cultura e Spettacolo, Assessorato ai Servizi Sociali) e Fondazione Pergolesi Spontini, in collaborazione con la Rassegna Malati di Niente. Direzione artistica e organizzativa del Teatro Pirata. Sponsor: Banca Popolare di Ancona.

da Fondazione Pergolesi Spontini
Jango Edwards, clown comico di fama internazionale, inaugura il 14 gennaio alle ore 21,15 al Teatro Pergolesi di Jesi l’ottava edizione della Stagione di Teatro Giovani di Jesi con CLASSIC DUO, uno show in tandem con Peter Echo che raccoglie i migliori sketches di tutti gli spettacoli creati dall’artista in oltre 25 anni di carriera. Provocatore e trasformista, gli show di Jango Edwards sono vere e proprie esplosioni d'energia in cui il contatto con il pubblico è totale e l'improvvisazione è sempre protagonista.

Con questa rara opportunità di vedere i brani che hanno generato la notorietà di Jango, la stagione dal titolo “Passaparola... al Teatro al Prezzo di una birra” offre ai giovani un cartellone intrigante e fresco, dove si ride ma dove anche si riflette su temi di scottante attualità grazie alla carismatica presenza di interpreti tra i migliori della scena italiana ed estera. Il tutto a prezzi contenuti per il pubblico al di sotto dei 25 anni e per gli studenti universitari, che potranno assistere agli spettacoli al costo di 8 euro (biglietto intero: 12 euro).

La stagione, firmata nella direzione artistica ed organizzativa dal Teatro Pirata, viene promossa dalla Fondazione Pergolesi Spontini, dall’Assessorato alla Cultura e Spettacolo, e dall’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Jesi, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Progetto Leggere il 900 della Provincia di Ancona e della Regione Marche (Servizio Beni e Attività Culturali), ed in collaborazione con la Rassegna Malati di Niente. Sponsor è la Banca Popolare di Ancona.

La Stagione “Passaparola ... a Teatro al prezzo di una birra” prosegue poi il 9 febbraio al Teatro Studio “Valeria Moriconi” (ore 21,15) con STORIE DI SCORIE. Come scavare una pattumiera nucleare, di e con Ulderico Pesce, a cura del Centro Mediterraneo delle Arti. Lo spettacolo ricostruisce la storia dell’industria nucleare italiana e del pericolo che ancora oggi rappresenta, partendo dalla lotta del popolo lucano contro il decreto 314 con cui il governo nel 2003 voleva costruire a Scanzano Jonico il deposito unico di scorie nucleari del Bel Paese. Con questo spettacolo Ulderico Pesce ha ricevuto il Premio Nazionale Legambiente 2005.

Mercoledì 1 marzo 2006, al Teatro Studio “Valeria Moriconi” (ore 21,15) il cartellone propone ITALIANI CINCALI. Prima parte: minatori in Belgio, con il Teatro dell’Argine a cura di Nicola Bonazzi e Mario Perrotta. Il tema è quello dell’emigrazione e dell’epopea di milioni di italiani del secondo dopoguerra nei Paesi del nord Europa. Tra momenti di sorridente levità e di coinvolgente tragicità, andranno in scena le vite disperate di uomini venduti per un sacco di carbone.

Un uomo che parla, una comunità di persone ad ascoltare, per un unico scopo: raccontare, restituendo così al teatro la dimensione originaria del rito, dell’arte, dell’incontro. Questa l’esperienza che promette il 3 aprile al Teatro Pergolesi (ore 21,15) LA PECORA NERA. Elogio funebre del manicomio elettrico, ultimo lavoro di un esponente del teatro di narrazione tra i più apprezzati degli ultimi anni: Ascanio Celestini. Lo spettacolo – proposto nell’ambito di una collaborazione tra la stagione di teatro giovani e la rassegna jesina ‘Malati di Niente’ - è una affabulazione scabra e solitaria sul tema dell’alienazione mentale, della condizione dei malati di mente alle prese con la loro odissea quotidiana prima e dopo l’apertura delle istituzioni manicomiali.

La stagione chiude il 24 aprile al Teatro Studio (ore 21,15) con la compagnia La Corte Ospitale e Ruggero Cara quale interprete de IL BAMBINO DEL 7 LUGLIO. Lo spettacolo attraverso la storia di un bambino, ora adulto, ripercorre un’epoca, ed i fatti del 7 luglio 1960 quando, a Reggio Emilia, cinque giovani manifestanti persero la vita durante uno sciopero indetto dalla CGIL, per protestare contro le decisioni del governo Tambroni. Immagini, musiche, registrazioni sonore, materiali d’epoca sono l’ambiente scenico nel quale si declina la storia di Paolo che, casualmente, si è intrecciata con la storia dei cinque assassinati, e gli ha lasciato dentro un dolore che non può trovare tregua.

BIGLIETTI
Ridotto (fino ai 25 anni e universitari) € 8.00
Intero € 12.00

ABBONAMENTI
Fino a 25 anni € 25 .00
Sopra i 25 anni: € 45.00

INFO. Biglietteria Teatro “G. B. Pergolesi” tel. 0731.538355
Teatro Pirata, Via F. Conti 3 - Jesi, tel. 0731.56590
www.teatropirata.com box@teatropirata.com

Jango Edwards è il nome d’arte di Stanley Ted Edwards; per molti un genio dell’arte mimica di ogni tempo. Nel corso della sua carriera e vita di Clown, Jango ha sviluppato un lavoro che può essere definito un “classico”.

Lo spettacolo Classics Duo è costituito dalle parti del repertorio che negli anni sono divenute le preferite per l’artista e per il pubblico. Si tratta di una veloce e movimentata selezione di canzoni, mimo e comicità tratta da quanto di meglio Jango ha saputo offrire in 25 anni di carriera. La scelta cade su canzoni, danza, magia, acrobazia, musica, commedia, stunts, rivista, cabaret, poesia, scherzi e pupazzi. Ecco gli spettacoli ispiratori del distillato scenico di “Classics”: "Clown Power", una big band pazza, "Pencilpeeni Zircus", "La commedia dei pazzi", "Niqhtmirrors", uno spettacolo comico con trama horror, "I Laugh You", la storia del clown nel presente e nel futuro dalla storia dell'uomo, "Klones", un omaggio a Federico Fellini e la più recente produzione, "Mum' ed il "The Tony Balony Experience" questo solo per citarne alcuni. I migliori sketches di tutti questi spettacoli trovano posto in Classics, e questo offre una rara opportunità, al pubblico ed ai teatri, di vedere i migliori pezzi di Jango, i brani che hanno generato la sua fama.

Nello spettacolo ci sono tutti i più famosi personaggi inventati da Jango: Oral Bob - Rock & Roll Preacher, The Great Retardo - Magician, Superman, Dick Dandy ed avrete l'occasione di assistere alla sfida mortale del tuffo dentro il bicchiere d'acqua…

Jango Edwards (Detroit 1950), non è un cabarettista, né un intrattenitore, ma un vero e proprio clown moderno. A dargli l'ispirazione fu Fellini con il suo film I clowns , un omaggio a un mondo destinato a sparire. Dopo aver fondato nel 1971 a Londra la Friends Roadshow London (una compagnia di teatro di strada) e il suo corrispondente americano a Detroit, è ad Amsterdam, nel 1976 che creerà il Festival of Fools.

Irriducibile provocatore, trasformista, mimo, cantante, autore di testi teatrali e musicali, regista e organizzatore, i suoi show sono delle vere e proprie esplosioni di energia dove il contatto del pubblico è totale (chi lo conosce non prenoterà mai un biglietto nelle prime file di nessun teatro). Da solo o accompagnato dalla sua band di clown-musicisti, i suoi spettacoli mixano pantomima e clownerie, spaziando da un repertorio classico di gag con naso rosso e labbra bianche a spettacolari incursioni, dalla vitalità esagerata e fracassona, che vanno a colpire gli stereotipi più evidenti della nostra società.


ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 dicembre 2005 - 1288 letture