Quantcast

Arriva la prima stazione di raccolta di olii vegetali esausti

2' di lettura 30/11/-0001 -
Niente più scarichi domestici per l’olio da cucina utilizzato per la tradizionale frittura.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it


È la nuova iniziativa di JesiServizi, la società del Comune che gestisce il servizio di igiene urbana che a fine gennaio darà il via ad un progetto di forte spessore ambientale.
Sarà infatti istituita nella nostra città la prima stazione di raccolta di olii vegetali esausti dove tutti i cittadini potranno conferire senza spese l’olio di cucina, avvalendosi di apposite taniche che verranno consegnate gratuitamente. Partner dell’iniziativa è la Coop che si è fatta carico dei costi dell’intero progetto, mettendo a disposizione un’area del parcheggio del proprio centro commerciale di via Gallodoro dove verrà collocata la stazione di raccolta e garantendo la distribuzione di circa 5000 appositi contenitori (capienza 2/3 litri) per le famiglie.
La stazione di raccolta verrà svuotata periodicamente da una ditta specializzata, leader nazionale nel servizio, che procederà poi al trattamento e al recupero. Jesi è la prima città della provincia ad avviare questa forma di raccolta e recupero, sulla scorta di altre positive esperienze che si registrano nel Maceratese e nell’Ascolano.
Proprio per questo la provincia di Ancona ha concesso il patrocinio dell’iniziativa quale segno di riconoscimento dell’importante iniziativa avviata.
Il progetto di recupero di olii vegetali esausti parte in forma sperimentale. In base al monitoraggio dei risultati registrati nei prossimi mesi, JesiServizi provvederà ad implementare il servizio coinvolgendo eventuali altri soggetti privati interessati a sostenere l’iniziativa.
“Avviare questo progetto - ha sottolineato l’assessore alle società partecipate, Antonio Balestra - era un obiettivo che da tempo l’Amministrazione comunale perseguiva, in una logica di ampliamento del servizio di raccolta differenziata, anche sulla scorta di specifiche richieste avanzate da cittadini.
L’iniziativa è rivolta all’utenza domestica, in quanto, come noto, per le imprese commerciali e artigianali vi è già un obbligo di legge per lo smaltimento degli olii esausti. Ringraziamo la Coop che ha voluto sostenere questo progetto senza costi per il Comune e ci auguriamo davvero che anche altre strutture similari seguano in futuro il suo esempio”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 gennaio 2006 - 1696 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV