Apre il Raccolta di Opere d’Arte di Cerreto D’Esi

30/11/-0001 -
Aprirà al pubblico domenica 2 aprile alle ore 18 il Raccolta di Opere d’Arte – Antica Farmacia Giuli di Cerreto d’Esi. Un piccolo museo fortemente voluto dal Comune di Cerreto e appositamente organizzato per la conservazione delle principali opere d’arte dell’antico castello.



Otto dipinti del XV, XVI e XVII secolo che per la prima volta potranno essere ammirati nello stesso luogo e godranno così di quella valorizzazione che è sempre loro mancata negli anni.
Tra questi una menzione particolare merita la Croce astile di Antonio da Fabriano, databile tra il 1470 e 1480: recentemente presentata al pubblico per la prima volta nell’ambito della mostra “Il Rinascimento a Urbino” è un bell’esempio ligneo di stauroteca al cui interno sono conservate le reliquie della croce di Cristo.

Delle opere esposte ricordiamo l’Annunciazione di Luca di Bartolomeo delle Fibbie, la Madonna col Bambino in gloria tra i santi Antonio Abate e Michele Arcangelo di Ercole Ramazzani, entrambi firmati dagli autori. A esse si affiancano altri cinque dipinti a cui finora sono stati dedicati solo brevi cenni nella storiografia artistica locale: si tratta della Madonna di Loreto tra i santi Antonio Abate e Vito, San Pietro e un santo Apostolo, L’Immacolata concezione e santi, la Madonna del Carmine e San Carlo Borromeo, la Madonna del Carmine e Santi, dipinti databili tra l’inizio del XVII e la fine del XVIII secolo. Opere le cui problematiche di attribuzione e contestualizzazione verranno analizzate nel catalogo scientifico.

Il museo apre con la duplice funzione di conservare ed esporre al pubblico alcune opere che altrimenti resterebbero quasi del tutto sconosciute, con l’intento di valorizzarle e renderle dunque fruibili ai visitatori.

Su questa raccolta di importanti contributi artistici locali verrà inoltre pubblicato un catalogo, che sarà presentato il giorno stesso dell’inaugurazione, con le schede scientifiche di ogni singola opera e un breve saggio introduttivo che discute delle correnti e delle emergenze artistiche che informano di loro il succinto ma pregevole contesto culturale di Cerreto d’Esi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 marzo 2006 - 1441 letture

In questo articolo si parla di