x

SEI IN > VIVERE JESI >

Il castello dei destini incrociati, primo laboratorio di scrittura creativa

3' di lettura
2293
EV

Gli scorsi giorni, presso la Biblioteca di Monsano, ha avuto inizio il primo laboratorio di scrittura creativa promosso dal Comune di Monsano ed organizzato dalla locale Biblioteca in collaborazione con l’Associazione culturale ‘Apeiron’ di Jesi.

dal Comune di Monsano
www.comune.monsano.an.it

Il percorso prende idealmente spunto da ‘il castello dei destini incrociati’, famoso testo di Italo Calvino in cui lo scrittore si lasciava suggestionare dai simboli della carte dei tarocchi per costruire, inventare e manipolare storie. Ideato e condotto dalla Dott.ssa Patrizia Leoni (master in comunicazione e valorizzazione dei beni letterari all’Università di Macerata) attualmente impegnata in uno stage formativo presso la biblioteca di Monsano, è realizzato, in questa edizione inaugurale, con la classe 1° A della scuola media statale G.B.Pergolesi.

Con questa iniziativa, la prima pensata e sviluppata appositamente per questa fascia di età, la giovane ma dinamicissima Biblioteca diretta dalla Dott.ssa Beatrice Cesaroni intende arricchire e diversificare l’offerta rivolta alla propria utenza e nel caso specifico, in particolare, si segnala come una sorta di apripista, dal momento che sono ancora pochissime nel territorio le strutture bibliotecarie che hanno realizzato o messo in programma nel loro calendario laboratori di scrittura creativa per giovani.

L’idea di promuovere la scrittura in una sede tradizionalmente deputata alla lettura è, del resto, in linea con un modo nuovo di concepire la funzione della Biblioteca, non più identificata solo come luogo fisico destinato alla conservazione o veicolazione dei testi ma, nello spirito delle iniziative che già da tempo vengono realizzate con regolarità per altre fasce di utenza, intesa come soggetto attuatore di esperienze finalizzate a fornire gli strumenti per avvicinarsi nel modo più consapevole, divertente e accattivante possibile al libro, magari, come in questo caso, attraverso l’operazione inversa, cioè quella della scrittura e dell’invenzione di storie.

Frutto della collaborazione con l’Associazione ‘Apeiron’, che ha messo a disposizione gli strumenti tecnici utilizzati nel laboratorio, l’iniziativa ha trovato la pronta adesione della locale scuola Media che ha inteso partecipare con i propri studenti all’esperienza della creatività e della scrittura proposta dal Comune, riconoscendone piena valenza didattica e formativa.

L’attività in biblioteca è stata inserita con la supervisione della Prof.ssa Rosso Giuseppina all’interno della programmazione disciplinare delle materie letterarie ed è destinata a finalizzarsi in una produzione finale del tutto originale ad opera degli studenti, che verrà raccolta a fine anno scolastico.
Ma i veri protagonisti di questo percorso accattivante dentro i segreti della parola narrata e dell’invenzione saranno gli studenti della classe 1° A: Anderlucci Leonardo, Bambini Alessia, Barconi Mattia, Cardoni Michael, Cingolani Irene, Coloccini Riccardo, Emiliani Chiara, Medici Debora, Pacetti Carlo, Pettinari Thomas, Pierpaoli Gregorio.

Nei due appuntamenti già svolti i ragazzi, nelle vesti di aspiranti scrittori, si sono già cimentati con viva partecipazione nei primi esercizi di manipolazione e di scrittura creativa (giochi su punti di vista, intrecci, storie e dialoghi) e negli incontri che seguiranno si confronteranno con altre coinvolgenti esperienze narrative , proposte e suggerite attraverso le pagine di grandi scrittori.

PER INFORMAZIONI: Biblioteca di Monsano: tel. 0731/605286

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 marzo 2006 - 2293 letture