Ascanio Celestini al Teatro Pergolesi con La pecora nera

2' di lettura 30/11/-0001 -
Ascanio Celestini al Teatro Pergolesi di Jesi lunedì 3 aprile (ore 21,15) con “LA PECORA NERA. Elogio funebre del manicomio elettrico” per la stagione di teatro giovani “Passaparola… a teatro al prezzo di una birra”.

da Fondazione Pergolesi Spontini


Un uomo che parla, una comunità di persone ad ascoltare, per un unico scopo: raccontare, restituendo così al teatro la dimensione originaria del rito, dell’arte, dell’incontro.
Questa l’esperienza che promette il 3 aprile al Teatro Pergolesi (ore 21,15) “LA PECORA NERA. Elogio funebre del manicomio elettrico”, ultimo lavoro di un esponente del teatro di narrazione tra i più apprezzati degli ultimi anni: Ascanio Celestini. Lo spettacolo viene proposto dalla stagione di teatro giovani “Passaparola… a teatro al prezzo di una birra”, diretta dal Teatro Pirata e promossa dal Comune di Jesi (Assessorati alla Cultura e Spettacolo, Assessorato ai Servizi Sociali) e Fondazione Pergolesi Spontini, in collaborazione con la Rassegna Malati di Niente, con il contributo dello sponsor Banca Popolare di Ancona.

“La pecora nera”, prodotto dal Teatro Stabile dell'Umbria e da Fabbrica, è una affabulazione scabra e solitaria sul tema dell’alienazione mentale, della condizione dei malati di mente alle prese con la loro odissea quotidiana prima e dopo l’apertura delle istituzioni manicomiali.
Lo spettacolo nasce da un lavoro di ricerca iniziato nel 2002: Ascanio Celestini ha raccolto in diverse città italiane testimonianze sulla vita del manicomio prima e dopo la riforma, racconti di malati, infermieri e medici, coadiuvato nella ricerca da gruppi di studenti e attori.

“Ascolto le storie di chi ha viaggiato attraverso il manicomio - racconta l’affabulatore nelle note allo spettacolo - non per costruire una storia oggettiva, ma per restituire la freschezza del racconto e l’imprecisione dello sguardo soggettivo, la meraviglia dell’immaginazione e la concretezza delle paure che accompagnano un viaggio”.
Ascanio Celestini ha ottenuto la sua consacrazione come attore professionista nel 2000 con due lavori, Radio Clandestina e La fine del mondo.
Da allora molti i premi: “Sette spettacoli per un nuovo teatro italiano” e il premio di Mario Martone al Teatro di Roma nel 2000, nel 2002 il premio UBU Speciale, il premio dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro per Fabbrica, e nel 2003 l’Oddone Cappellino per Le nozze di Antigone.

BIGLIETTI: Ridotto (fino ai 25 anni e universitari) € 8.00, Intero € 12.00

INFO Biglietteria Teatro “G. B. Pergolesi” tel. 0731.538355
Teatro Pirata, Via F. Conti 3 - Jesi, tel. 0731.56590





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 marzo 2006 - 1684 letture

In questo articolo si parla di