Comitati: Non permetteramo che Carletti muri metà del fronte mare

30/11/-0001 -
L’attacco frontale ai Comitati che la Giunta Carletti ha sferrato dalle pagine delle 11.000 copie del giornalino “Informare la città”, con l’affissione di centinaia di manifesti e l’invio di migliaia di mail palesa l’ostilità dell’attuale gruppo di governo di Falconara nei confronti di quella crescente fetta di falconaresi che amano e rispettano il mare e la spiaggia di questa città.

da Loris Calcina e Paola Lucarini


Falconaresi che vogliono difendere la residua qualità della loro vita e dell’ambiente in cui vivono in una città che, stretta in una morsa di industrie insalubri, infrastrutture e traffico non può permettersi di essere murata sul fronte mare da un porto e da una pesante urbanizzazione!

Soltanto grazie ai tavoli informativi che ogni lunedì i comitati allestiscono al mercato, i falconaresi in quantità crescente stanno prendendo coscienza delle reali dimensioni del porto che la Giunta Carletti sta tentando di portare a Variante del Piano Regolatore prima delle prossime elezioni comunali!
Ed i falconaresi, contro il pericolo di vedere il fronte mare murato da Villanova a Piazza Garibaldi stanno quotidianamente inviando decine di fax agli Assessori regionali competenti - Pistelli, Amagliani e Carrabs - in cui manifestano contrarietà al progetto del porto.

Anche il prossimo lunedì 27/3 i comitati saranno in piazza per quel lavoro di comunicazione con la cittadinanza che la Giunta Carletti avrebbe dovuto fare prima e durante la gestazione di qualsiasi idea che avesse riguardato il mare e la spiaggia, beni pubblici e ricchezza collettiva di tutti i falconaresi!

Inoltre i comitati, affatto intimiditi da tanta potenza mediatica dispiegata - per la prima volta nella storia politica falconarese – da un’Amministrazione comunale contro una parte dei cittadini che anche con le loro tasse contribuiscono alla pubblicazione di “Informare la città”, dei manifesti murali e alla realizzazione della comunicazione informatica, sempre lunedì 27/3 alle ore 18 presso la sala del mercato coperto presenteranno una iniziativa pubblica dal nome “Questi posti davanti al mare”.
L’iniziativa presenterà idee per Falconara al fine di una utilizzazione responsabile e partecipata degli spazi sul mare, per una migliore qualità della vita, per RESPIRARE il mare e per DISTENDERSI verso il mare!

I comitati ribadiscono che a Falconara serve utilizzare “questi posti davanti al mare” per creare – da Villanova a Palombina – un lungomare attrezzato con strutture sportive e ricreative che siano vissute d’estate e d’inverno.
A Falconara serve un approdo, ordinato e moderno, per la nautica falconarese.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 marzo 2006 - 1365 letture

In questo articolo si parla di