Falconara: il progetto della Lista Carletti non si ferma

30/11/-0001 -
Al Centro Pergoli, venerdì sera alle ore 21,30, si sono riuniti i candidati nella Lista Carletti che ha partecipato alla consultazione elettorale di maggio u.s.
La riunione si è resa necessaria dopo il responso delle urne dalle quali è emerso un risultato non entusiasmante.

dalla Lista Carletti


La lista Carletti nasce come proposta civica con un unico contenuto progettuale: fare proprio il bilancio di mandato dell’Amministrazione uscente, proporne i risultati quali strumenti per portare a termine la costruzione di una città nuova, accettando le linee progettuali di trasformazione urbana, sociale, culturale, ambientale, che di quei risultati costituiscono un indispensabile corollario.

Questa proposta civica aveva ed ha l’ambizione di essere un lungo viaggio nel futuro, ma con possibilità concrete di essere fattibile, come le grandi trasformazioni realizzate, dalla pianificazione generale del territorio, alle strutture per la cultura, alle struttura per l’ambiente, ai centri per i nidi d’infanzia, ai corsi universitari, alle strutture per gli interventi sul sociale, alla acquisizione di ampi spazi verdi, alle massicce iniziative culturali, artistiche, politico-culturali, alla costruzione di un centro storico, quale luogo ove si riconosce una comunità.

Questa proposta civica, meglio chiamarla culturale, non ancora politica, la politica ha bisogno di semi culturali altrimenti è un otre pieno di vento, non ha avuto l’ampio consenso che ci si aspettava.

Questo non significa che al deludente risultato elettorale corrisponda l’abbandono della proposta .
La proposta, con tutte le sue implicazioni, con tutte le risorse umane delle quali essa è figlia, resta il programma politico del gruppo che si è riconosciuto nella Lista Carletti e tale programma costituisce l’architrave di questo movimento, di questa nuova realtà culturale cittadina, esso caratterizzerà le iniziative, le proposte, le battaglie, perché diventi l’orizzonte politico anche di altre forze, politiche e non, presenti sul territorio, con responsabilità di governo a tutti i livelli.

Tale programma non potrà mai prescindere dalle risorse tecniche, umane, culturali, sociali che lo hanno promosso, in parte gestito, e, soprattutto, sognato.

L’attuale contesa elettorale che vede contrapposte due forza politiche rappresentate dai due candidati, uno dell’Unione, l’altro delle forze di centro destra, non interessa questo movimento, le motivazioni che li ispirano nella contesa ci trovano estranei.

Una scelta, che appartiene ai valori della intelligenza politica e che ci vedrebbe indotti a porre attenzione su di essa, che riconosca e faccia propria la proposta così come sopra descritta, con tutte le implicazioni conseguenti, creerebbe un clima di intese nell’interesse generale.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 giugno 2006 - 1235 letture

In questo articolo si parla di