Quantcast

Individuati in vincitori del concorso di progettazione per il campus scolastico

3' di lettura 30/11/-0001 -
La commissione per il concorso di progettazione per il nuovo campus scolastico, ossia quello che rappresenta uno degli interventi più importanti e qualificanti del programma di mandato della giunta Carbini, ha terminato il suo lavoro individuando i vincitori.

dal Comune di Maiolati Spontini


La commissione per il concorso di progettazione per il nuovo campus scolastico, ossia quello che rappresenta uno degli interventi più importanti e qualificanti del programma di mandato della giunta Carbini, ha terminato il suo lavoro individuando i vincitori. La commissione ha stilato una graduatoria individuando il primo, il secondo e il terzo classificato fra i cento elaborati arrivati negli scorsi mesi all’Ufficio tecnico del Comune. Per il nuovo polo scolastico che l’Amministrazione ha intenzione di costruire a Moie sono dunque arrivati lavori da tutta Italia e da diversi paesi europei. L’importo complessivo dell’opera di aggira sugli 8 milioni di euro. I primi tre classificati sono raggruppamenti temporanei di architetti: il primo è quello che fa capo a Nazzareno Petrini, di Serra De’ Conti, il secondo ha come capogruppo l’architetto Giorgio Santagostino di Milano, è terzo fa riferimento all’architetto Rosario La Fata di Napoli. La Commissione ha inoltre ritenuto di menzionare per particolare originalità il progetto presentato dallo studio associato dell’architetto Alessandro Cimenti di Torino.

I loro, come gli altri lavori che hanno partecipato al concorso, potranno essere visionati dalla cittadinanza grazie alla mostra che verrà allestita nel Centro comunale 6001 di Moie, la cui inaugurazione, con la proclamazione dei vincitori, è prevista per il 26 giugno alle ore 18.
Siamo molto soddisfatti – spiega il sindaco Giancarlo Carbinidi aver raggiunto questo primo traguardo per la realizzazione di un’opera che riteniamo molto importante per il futuro del nostro Comune. Investire nella scuola significa investire nei giovani, nel futuro, rendere disponibile una struttura adeguata alle crescenti e mutate necessità del mondo della scuola. Un obiettivo sicuramente ambizioso che richiederà grandi sforzi, energie e tempi adeguati anche sulla base della prevista realizzazione a stralci. Un obiettivo che resta in cima agli impegni presi dall’Amministrazione comunale”.
Dal sindaco Carbini arriva anche l’assicurazione che l’ente pubblico si muoverà “con la massima trasparenza e il coinvolgimento della cittadinanza. Proprio in quest’ottica verrà realizzata una mostra aperta al pubblico con tutti i progetti che hanno partecipato al concorso”. Oltre alla mostra sarà realizzata una pubblicazione che sarà inviata, tra l’altro, a tutti i partecipanti.

La Commissione giudicatrice era composta dal responsabile dell’Ufficio tecnico comunale Nicla Paola Frezza, dall’ing. Rolando Santelli e dall’arch. Pierluigi Salvati, nominati dall’Amministrazione comunale, dall’ing. Patrizia Angeli e dall’arch. Michele Gasparetti, nominati rispettivamente dall’Ordine degli Ingegneri e dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Ancona. In questi mesi la Commissione è stata costantemente impegnata nel difficile compito di esaminare e valutare le cento proposte progettuali pervenute che la stessa commissione ha definito di “grande rilievo per la quantità, ma soprattutto per il valore e la qualità professionale”. I primi lotti del nuovo polo scolastico saranno finanziati direttamente dal Comune mentre per quelli conclusivi si prevede di ricavare fondi dalla vendita e riconversione delle attuali strutture che ospitano le scuole e gli uffici dell’Istituto comprensivo. Nella zona scelta per il nuovo campus si trovano anche l’asilo nido, la scuola materna e l’attuale palazzetto dello sport, e nella stessa zona sarà realizzato anche il nuovo. L’area sarà accessibile sia da via Venezia che dal parcheggio al termine di via Bologna.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 giugno 2006 - 1686 letture

In questo articolo si parla di





logoEV