Il sindaco Belcecchi interviene sull'istituzione dell'area vasta

30/11/-0001 -
Ritengo che tutti i Sindaci della Vallesina abbiano ben chiara in mente l’idea di come funzioni l’area vasta, vale a dire l’organismo intermedio di prossima istituzione tra Asur regionale e zone territoriali che avrà come riferimento il bacino dell’intera provincia di Ancona.

da Fabiano Belcecchi
sindaco di Jesi


Proprio per questo la Conferenza dei Sindaci si è posta la questione.

Se è infatti chiaro che non vi saranno nuovi direttori in più e che il coordinamento spetterà giustamente al direttore generale regionale, è altrettanto del tutto evidente che il concetto di “area vasta” non è una semplice soluzione organizzativa, ma implica una serie di competenze importanti in materia di programmazione e gestione della sanità.

Credo che la Conferenza dei Sindaci - per il ruolo istituzionale che svolge - abbia l’assoluta titolarità nell’esprimere le proprie prerogative. E per questo sia pienamente legittimata nel sottolineare che questo territorio si è nel tempo contraddistinto per scelte di politica sanitaria e modelli organizzativi assolutamente innovativi, nell’evidenziare che questo territorio sia stato individuato come uno dei luoghi di sperimentazione dei Piani comunitari di salute, nel rimarcare come questo territorio sia tra i prima ad andare a costituire l’azienda consortile per i servizi sociali.

Se dunque - come non abbiamo motivo di dubitare - l’individuazione della sede di area vasta si basa unicamente su criteri oggettivi, credo che la Conferenza dei Sindaci della Vallesina abbia non solo il diritto, ma il dovere di rivendicare che a questa Zona venga riconosciuta la possibilità di svolgere un ruolo di rilievo nel coordinamento della politica socio-sanitaria dell’area vasta.

Prendiamo pertanto atto delle dichiarazioni del direttore generale dell’Asur Marche - che ringraziamo delle puntualizzazioni - ma dal momento che la scelta a cui affidare l’area vasta verrà effettuata dalla Giunta regionale, è da questo organismo - nel reciproco rispetto dei ruoli istituzionali - che i Sindaci della Vallesina si attendono una risposta chiara e pienamente rispondente a quei criteri oggettivi che stanno alla base di un servizio primario per la collettività come quello della sanità pubblica.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 giugno 2006 - 1235 letture

In questo articolo si parla di