Al via i lavori all’ex deposito Freddi di Viale della Vittoria

30/11/-0001 -
10 milioni di euro , per la riqualificazione dell’Ex deposito Freddi in Viale della Vittoria a Jesi da tempo lasciato in stato di abbandono. Negozi ed uffici al posto dello stabile fatiscente. I lavori in mano all’architetto Mario Talacchia.

di Cristina Amici degli Elci
cristina@viverejesi.it


10 milioni di euro , per trasformare un vecchio edificio “ storico” di jesi, quello a fianco dell’hotel mariani, ex magazzino Freddi in un complesso dove saranno ospitati negozi, uffici ed abitazioni.
Mesi di lavori e consultazioni per portare a termine l’ambizioso progetto.
Ed ora il via ai lavori , che partiranno nel mese di agosto, per terminare, a detta dei tecnici, nel giro di tre anni.

A presentare il progetto, per ora su carta, l’Assessore Daniele Olivi, il sindaco di Jesi Fabiano Belcecchi, il titolare dell’impresa di costruzione che eseguirà i lavori , Rossano Cecchini della Fineco e l’architetto che ha curato il progetto, Mario Talacchia.


L’immobile interessato, che ha ospitato anche la concessionaria Bmw, sarà anche dotato di 100 posti auto, per uso pubblico e privato, su due piani sotterranei.
Prevista anche la costruzione di una rotatoria che convoglierà il traffico da Viale della Vittoria a Viale Papa Giovanni XXIII, tratto stradale quest’ultimo destinato a divenire rapida via di accesso per l’Ospedale Murri.


13 i locali ad uso ufficio che andranno ad occupare il nuovo ed ampio complesso, 12 negozi e 10 appartamenti di circa 70 m/q ciascuno.
In seguito a consultazioni, operate dai tecnici del Comune di jesi si è deciso di non aumentare la metratura cubica dell’edificio che manterrà intatta la sua attuale massa volumetrica di 5340 m/q.


Davanti alla nuova struttura saranno piantati alberi , attraverso un camminamento si potrà accedere all’albergo Mariani e una tettoia abbraccerà tutto il plesso.
I lavori saranno ultimati nel giro di 3 anni assicurano gli addetti ai lavori.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 luglio 2006 - 1625 letture

In questo articolo si parla di