Maiolati Spontini: pannelli fotovoltaici sul tetto della scuola materna

3' di lettura 30/11/-0001 -
L’Amministrazione comunale investe nell’ambiente e decide la sistemazione di un impianto per l’energia pulita sul tetto della scuola materna di Moie. La Giunta comunale ha infatti deliberato nei giorni scorsi una variazione al piano triennale opere pubbliche, inserendo la realizzazione di un impianto di pannelli fotovoltaici con potenza complessiva di 50 kw da installare, appunto, sul tetto della scuola materna.

dal Comune di Maiolati Spontini


Produrrà energia elettrica pulita – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Umberto Domizioli – sufficiente al fabbisogno della struttura scolastica, compreso l’asilo nido, mentre l’eventuale esubero sarà venduto all’Enel. L’impianto consiste in 312 pannelli per una superficie esposta verso sud di 362 metri quadrati complessivi. Il costo totale si aggira sui 400 mila euro e sarà sostenuto attraverso un autofinanziamento realizzato con il cosiddetto ‘conto energia’ del Ministero delle Attività Produttive. Nei mesi scorsi, infatti, ci è stato comunicato da Roma l’esito favorevole della domanda presentata dal nostro Comune”. In sostanza l’amministrazione maiolatese ha avuto accesso ad una tariffa incentivante che prevede una erogazione di 0,46 euro per ogni kwh prodotto (oltre naturalmente al risparmio della bolletta) per un periodo di venti anni.

L'ammortamento completo del costo di realizzazione, considerando l’esposizione solare favorevole alla nostra latitudine – spiega sempre l’assessore – è previsto in dieci anni per cui dal decimo al ventesimo anno si avranno anche vantaggi economici non trascurabili. Da calcoli fatti si prevede un rendimento annuale derivante dagli incentivi del conto energia di almeno 35 mila euro all’anno. Considerando inoltre una durata dell’impianto di circa 30 anni si può ipotizzare per questo arco di tempo un guadagno netto di circa 500 mila euro”.

Insomma, una scelta ambientale che presuppone tuttavia anche importanti riscontri finanziari, anche se “lo scopo del progetto non è sicuramente questo – avvisa Domizioli – ma quello di dare un segnale forte ricorrendo a questa forma di energia alternativa e pulita per aggiungere un tassello alle politiche future di salvaguardia dell’ambiente che acquisteranno sempre più importanza”.
A sottolineare questo aspetto è anche l’assessore all’Ambiente Fabrizio Mancini. “Le risorse ambientali sono un bene comune – osserva – prezioso e irrinunciabile, eppure si stanno assottigliando rapidamente anche per la difficoltà di applicare certe normative minime, come il protocollo di Kyoto. Le Amministrazioni pubbliche devono muoversi rapidamente, e in questa filosofia si inquadra il provvedimento preso dalla giunta. Anche il fatto che l’installazione dei pannelli avviene in una struttura scolastica ha un significato: l’auspicio, infatti, è che il concetto di ecologia ambientale venga recepito soprattutto dalle generazioni future insieme a quello di economicità in quanto si viene a sfruttare una fonte energetica quale il sole che è del tutto gratuita”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 agosto 2006 - 1568 letture

In questo articolo si parla di