Quantcast

Falconara: due cervelli buoni per il frullatore

2' di lettura 30/11/-0001 -
C'è molta attesa e curiosità a Falconara Marittima per una strana e paradossale mostra che, cosa davvero inusuale, proporrà le ironiche opere di due artisti che non esistono.

dal Comune di Falconara Marittima
www.comune.falconara-marittima.an.it


Sabato 23 settembre infatti, verrà inaugurata alle ore 18 presso la sala Mercato Coperto la mostra dal titolo "Due cervelli buoni per il frullatore" dei due artisti Marino Pulviscoli e Rob Minuscoli che, sospesi fra il desiderio di esistere e il privilegio di non esistere, per la prima volta si incontrano in pubblico. Chi siano (o non siano) i due nessuno lo sa con precisione, ma è sicuro che la mostra offrirà al pubblico uno spaccato tangibile della loro produzione artistica: idee surreali, creazioni enigmatiche, piccole sculture oniriche e improbabili, oggetti reinventati, condurranno lo spettatore lungo un percorso ironico non privo di spunti riflessivi.

Dagli "Ecosegnali" di Rob Minuscoli (già presenti con successo di critica e pubblico alla Fiera Internazionale Ecomondo di Rimini 2005), agli "Oblò Esistenziali" e ai "ready made" con giochi di parole di Marino Pulviscoli (perlopiù inediti).

All'interno della mostra saranno anche presenti alcune singolari iniziative come il "Baratto Emozionale", che coinvolgerà direttamente lo spettatore spingendolo ad appropriarsi di cartoline, quadretti e testi lirici, barattandoli con un oggetto di comune utilità che lo spettatore ha in tasca (una lampadina, uno stetoscopio, un fossile del mesozoico...) che depositerà in un apposito cestino.

La mostra, patrocinata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Falconara Marittima e curata da Roberto Marinelli, resterà aperta dal 23 settembre all'8 ottobre, tutti i giorni escluso il lunedì dalle 16.30 alle 19.30 (la domenica anche 10.30-12.30), presso la sala Mercato Coperto in corso Bixio.








Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 settembre 2006 - 1849 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV