x

SEI IN > VIVERE JESI >

Un incontro sula prevenzione della morte improvvisa negli atleti

2' di lettura
1539
EV

“La morte improvvisa negli atleti, come prevenire l’arresto cardiaco nello sport” è il tema dell’incontro informativo in programma stasera (venerdì 29), con inizio alle ore 18 presso la residenza municipale.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it

Un incontro organizzato dalla Consulta per lo Sport di Jesi che ha inteso affrontare un tema di scottante attualità che impone una seria sensibilizzazione nei confronti dei genitori , degli atleti , dei presidenti e degli allenatori delle società sportive.

“Gli atleti sono soggetti sani – ricorda infatti la Consulta per lo Sport - ma l’arresto cardiaco improvviso è una patologia che può colpire chiunque.Da qui l’importanza di una visita medica fatta in modo scrupoloso in strutture altamente specializzate, dotate di strumenti diagnostici idonei per prevenirlo”.

Nella maggior parte dei casi è provocato da una irregolarità del battito cardiaco, detta fibrillazione ventricolare , espressione di una grave anomalia di funzionamento del cuore, non evidenziate durante la visita medica o insorte nell’arco di tempo tra una visita e l’altra (cadenza annuale). L’unico modo per interrompere la fibrillazione ventricolare è la defibrillazione elettrica, praticata immediatamente da personale esperto.

Su questi ed altri argomenti interverranno il direttore dell’unità operativa di medicina dello sport Emilio Amadio, il cardiologo Giovanni Josi, il presidente del Panathlon Club di Jesi Fabio Fittajoli. A portare i saluti saranno il presidente della Consulta per lo Sport Alberto proietti Mosca e l’assessore allo sport Leonello Rocchetti. Gli aspetti sociali verranno infine affrontati dall’assessore Paolo Cingolani. Durante l’incontro, a cui sono invitati dirigenti e tecnici delle società sportive di Jesi e della Vallesina, sarà dato spazio a tutte le domande e ai chiarimenti che vorranno essere formulati.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 settembre 2006 - 1539 letture