contatori statistiche

Falconara: firmato il Patto per la Scuola

2' di lettura 30/11/-0001 -
Il Sindaco Riccardo Recanatini e i dirigenti delle scuole falconaresi mettono la firma sul Patto per la Scuola. L’incontro è avvenuto nella mattina di lunedì 16 ottobre presso la Sala del Leone del Castello di Falconara Alta alla presenza anche dell’assessore alla Scuola Michela Paoletti e di alcuni genitori, rappresentanti dei consigli d’istituto.

dal Comune di Falconara
www.comune.falconara-marittima.an.it


L’accordo, che contiene tutte le modalità operative, le competenze e le progettualità nei rapporti tra l’Amministrazione e gli istituti, è finalizzato a migliorare la qualità del sistema educativo e a garantire relazioni più sistematiche tra le parti.

“Accolgo con favore questo inizio – ha detto Recanatini – sulla base dell’esperienza saremo aperti anche a valutare modifiche e perfezionamenti se si dovessero verificare carenze. Il Patto è un passo importante per l’assunzione delle reciproche responsabilità”. Il primo cittadino ha posto l’obiettivo principale sulla manutenzione degli edifici e sulla sicurezza, invitando i dirigenti, in vista della predisposizione del Bilancio 2007, ad inoltrare quanto prima eventuali segnalazioni.

Il Patto per la Scuola, nato dopo un anno di stretta collaborazione tra il Settore e gli Istituti Comprensivi, contiene nuovi organi come la Conferenza dei Servizi, che sarà presieduta da Stefano Agostinelli, dirigente del settore Servizi Socio-educativi, e composta dal funzionario del Servizio, dai dirigenti scolastici e dagli amministratori degli istituti. Per coinvolgere anche le famiglie, attori della Conferenza saranno anche i presidenti dei Consigli d’Istituto. Questo nuovo organismo si riunirà ogni 3 mesi ed avrà il compito di elaborare progetti, proporre atti deliberativi e verificare i risultati raggiunti. I progetti saranno realizzati da commissioni di studio coordinate dall’assessore alla Scuola Michela Paoletti, d’intesa con il primo cittadino. Annualmente la Conferenza dei Servizi riferirà anche alla Commissione Consiliare preposta.

“Il Patto – ha spiegato l’assessore Paoletti - contiene condivisione, collaborazione ed autonomia di gestione per gli Istituti Comprensivi. Andiamo avanti cercando di valorizzarlo al massimo, pubblicizzandolo anche a genitori ed alunni”.

L’autonomia scolastica si traduce nel trasferimento di fondi per il funzionamento della direzione didattica: il Comune non si occuperà più in prima persona dell’acquisto di beni di consumo, pulizie, manutenzione macchine ma conferirà un contributo finanziario rapportato al numero di classi e alunni che sarà quantificato sulla base della spesa media degli ultimi due anni. Le risorse saranno trasferite all’inizio di ogni anno scolastico e le scuole dovranno redigere un rendiconto delle spese effettuate entro il successivo agosto. Il Comune resta titolare dei servizi mensa, trasporto scolastico, supporto all’handicap e di progetti come l’educazione stradale, alimentare, interculturale e programmi di tutela ambientale e di promozione di attività teatrali e musicali.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 ottobre 2006 - 1237 letture

In questo articolo si parla di