contatori statistiche

Falconara: giornata informativa Il valore delle idee

4' di lettura 30/11/-0001 -
Condividere con i cittadini le decisioni da prendere: l’iniziativa “Il valore delle idee” dà corso alla decisione del Consiglio Comunale di entrare a far parte della Rete Nuovo Municipio.

dal Comune di Falconara
www.comune.falconara-marittima.an.it


Nella giornata informativa di sabato 14 ottobre, dal tema “La democrazia partecipata – costruiamo insieme la nostra città” alla Sala Convegni del Castello di Falconara Alta, sono state presentate tutte le iniziative correlate.

Su tutte, le assemblee pubbliche che collegheranno l’Ente con cittadini, associazioni e comitati. Il primo degli incontri si svolgerà venerdì 3 novembre alle 21 presso il circolo Arci di Fiumesino con la Giunta al completo insieme ai cittadini di Fiumesino e Poiole. Le prossime tappe, tutte a novembre, toccheranno le zone Palombina Vecchia – via Italia (giovedì 9), Centro – Villanova (giovedì 16), Castelferretti – Stadio – Tesoro (giovedì 23) e Falconara Alta – Barcaglione (giovedì 30).

Bilancio e urbanistica partecipata, sistematicità semestrale degli incontri: i cittadini saranno chiamati ad essere protagonisti delle scelte presentando istanze su questi e su altri temi come lavori pubblici, servizi, viabilità, cultura, sport. On line su www.comune.falconara-marittima.an.it o presso tutti i front office comunali saranno distribuite schede di segnalazione o di presentazione proposte. I cittadini potranno compilare liberamente (anche in forma anonima) le schede che dovranno essere presentate in appositi punti di raccolta (Urp Falconara, Centro Più-Ups, AmbienteInforma, Anagrafe di Falconara e di Castelferretti). Le schede saranno in seguito affidate ai settori di pertinenza, sottoposte ad uno studio di fattibilità per verificare le competenze dell’Amministrazione a riguardo, individuare le strade percorribili, valutando l’effettiva copertura finanziaria all’interno del Bilancio e potranno anche essere discusse dalle Assemblee.

“Il nuovo rapporto con la città – ha spiegato il Sindaco Riccardo Recanatini – è linea di demarcazione rispetto al passato. Ne abbiamo parlato in campagna elettorale, lo abbiamo scritto nel programma, ora si passa dalla parole ai fatti. Sono convinto che questa fase d’ascolto sarà necessaria per indirizzarci verso i problemi reali della città. La legge consente ampi potere ai sindaci e spesso si corre il rischio di allontanarsi dalle reali esigenze dei cittadini: a loro il compito, attraverso un confronto serrato, di riportare l’Amministrazione con i piedi per terra. Un percorso virtuoso che durerà per tutto il mandato. Sono ansioso di recepire le istanze anche perché siamo in una fase di riflessione e questa azione al momento ha una valenza maggiore”.

Con Recanatini alla Sala Convegni, l’assessore alla Partecipazione Massimo Marcelli Flori, l’assessore all’Urbanistica Carlo Brunelli, Rita Colantonio, docente alla Politecnica delle Marche e Pier Paolo Fanesi, responsabile dei processi partecipativi del comune di Grottammare.

“Cercheremo di coinvolgere i cittadini – spiega Marcelli Flori – in un percorso innovativo, difficile ma estremamente stimolante, non a caso la partecipazione era ed è architrave per il nostro amministrare, ci vorrà del tempo certo, ma sarà comunque tempo ed impegno speso nell’assolvimento di un bisogno reale: una città di tutti, con tutti e per tutti nel tentativo difficile ma concreto di costruire quell’altra Falconara possibile.”

L’intervento della Colantonio ha confermato la bontà dell’operazione: il progettare nuovi scenari non può escludere la conoscenza di chi lavora e vive il territorio, occorre invece capire l’identità locale, attraverso dialogo e questionari. Fanesi ha invece portato come esempio l’esperienza di Grottammare nei processi partecipativi. Secondo Brunelli “non si può parlare di scelte sul territorio senza ascoltare i cittadini: si tratta di un obbligo al quale dobbiamo prontamente rispondere. Le politiche di partecipazione coinvolgono sempre più l’urbanistica perché il territorio è la cosa che sta più a cuore ai cittadini. E’ considerato come proprio. Oggi ci sono distanze ancora forti tra esperti e cittadini, c’è chi crede che l’Urbanistica sia ancora una scienza solo tecnica. Le attuali osservazioni dei cittadini avvengono, in maniera passiva, solo a progetto già elaborato. L’evoluzione della partecipazione prevede dialogo, portare a conoscenza. A Falconara stiamo già sperimentando il procedimento di Valutazione Ambientale Strategica che può essere implementato andando proprio ad interrogare i cittadini”.

A conclusione dell’incontro è nato un dibattito che ha coinvolto i cittadini presenti in sala.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 ottobre 2006 - 1197 letture

In questo articolo si parla di