contatori statistiche

Maiolati: in vendita gli abbonamenti per la stagione teatrale

4' di lettura 30/11/-0001 -
Da sabato 21 ottobre e fino al 3 novembre sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la stagione del Teatro Spontini di Maiolati realizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini, dall’Amat e dalla Banca Popolare di Ancona con il contributo di Sogenus.
Abbonamento intero a 5 spettacoli (posto unico numerato) è in vendita al costo di 65,00 euro, quello ritotto a ridotto a 55,00 euro.



La vendita si svolge presso la biglietteria del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 17 alle 19.30 (festivi e lunedì chiuso) tel. 0731 206888.

Sarà possibile effettuare la prenotazione dell’abbonamento anche presso l’Agenzia Federico II Viaggi di Moie (0731 704949) dal 21 al 28 ottobre (lun.-ven. 9-12.30/16-19.30; sab. solo mattina); il ritiro di questi abbonamenti ed il relativo pagamento potrà essere fatto presso la stessa agenzia venerdì 3 novembre (dalle 16 alle 19.30) o sabato 4 novembre (dalle 9 alle 12.30) oppure recandosi nei giorni seguenti presso la Biglietteria del Teatro Pergolesi di Jesi durante il normale orario di apertura della stessa.

Il sipario del Teatro Spontini di Maiolati si aprirà il 10 novembre con la Banda Osiris - considerata la massima espressione in Italia della comicità nel teatro musicale – con lo spettacolo Banda 25, realizzato dal gruppo per celebrare i 25 anni di attività.

Questo nuovo lavoro – un concerto che prende le mosse dai nuovi e originali brani composti per il nuovo cd del gruppo - è un viaggio attraverso i 25 anni di storia della Banda Osiris, dal teatro di strada agli spettacoli teatrali, dalla radio alla tv, dalle colonne sonore ai libri, rileggendo in modo ironico e non cronologico alcune tappe significative del suo iter creativo. E in più è un viaggio attraverso l’Italia, i luoghi, gli avvenimenti, i personaggi che hanno caratterizzato quest’ultimo quarto di secolo e un viaggio attraverso la musica, popolare, classica, jazz, rock, world, new age, in pratica tutta, facendo però molta attenzione a mischiare volutamente fra loro stili e generi.

Il 12 dicembre l’appuntamento è con Ciò che vide il maggiordomo di Joe Orton. Il ritmo sfrenato delle battute e l’ossessione per la trama ricordano la struttura del vaudeville francese: l’autore si diverte a costruire un meccanismo a orologeria che fa saltare qualsiasi certezza e stravolge tutte le logiche, con una grande sagacia linguistica tipicamente inglese, tratteggiando comunque dei personaggi assolutamente credibili. Nei panni dei protagonisti Zuzzurro (Andrea Brambilla che firma anche la regia) e Gaspare (Nino Formicola).

Ancora una volta è un affresco tutto femminile quello che Monica Guerritore sceglie di portare sulla scena del Teatro Spontini. Dopo Madame Bovary, Carmen e La Signora delle Camelie, in Giovanna D'Arco – in scena il 18 gennaio - l'attrice e regista racchiude tutta la forza e il dolore di una donna combattuta fra santità e guerra, rivivendone il misterioso e tragico cammino. La Guerritore, autrice anche del testo, riesce con grande bravura a conciliare la parola alla musica in una partitura che accosta, nella massima libertà, i Carmina Burana di Orff, all'adagio per archi di Barber a Tom Waits.

La stagione prosegue il 25 febbraio con Quella del piano di sopra commedia brillante del francese Pierre Chesnot interpretata da Pino Quartullo e Sandra Collodel diretti da Gigi Proietti. Pudore dei sentimenti determinato dalla solitudine o solitudine determinata dal pudore dei sentimenti? Questo è uno dei tanti interrogativi che si celano dietro i divertenti e goffi tentativi d'intesa fra due non più giovanissimi single vicini di casa. Lui al piano di sotto, lei "inquilina del piano di sopra", appunto.

La conclusione della stagione – realizzata con il contributo di Sogenus - è affidata l’11 marzo ad un attore amatissimo dal pubblico: Giobbe Covatta con I sette peccati capitali, il suo nuovo spettacolo interamente dedicato al rapporto tra il continente africano e il mondo occidentale. Giobbe Covatta torna in teatro – affiancato da Stefano Sarcinelli e Ugo Gangheri - con il suo umorismo intelligente e beffardo che lascia sempre aperte occasioni di riflessione, alla ricerca, in questo caso, dei dieci comandamenti del nuovo millennio.

In occasione di ogni spettacolo sarà offerta dal Comune di Maiolati Spontini una degustazione di vini in collaborazione con alcune aziende vinicole del territorio: Monteschiavo – La Vite S.p.A. Azienda vitivinicola; Azienda vitivinicola Bravi s.a.s.; Amadio Vini S.r.l.; Mancini Benito Azienda Agricola; Pievalta.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 ottobre 2006 - 1264 letture

In questo articolo si parla di