x

SEI IN > VIVERE JESI >

Santa Maria Nuova: l'isola felice della Ludoteca Riù

3' di lettura
9600
EV

Forse non tutti sanno che a Santa Maria Nuova opera una delle realtà più felici per quello che riguarda la sensibilizzazione dei bambini al tema dei rifiuti. E’ la Ludoteca del Riuso Riù.

da Ludoteca Riù
In tutta la Regione Marche ce ne sono 4 e quella di Santa Maria Nuova è l’unica della Provincia di Ancona. La Ludoteca è nata nell’aprile del 2001 e deve la sua esistenza ad una intuizione del Comune di Santa Maria Nuova che ha risposto in maniera tempestiva ad un bando regionale per attività di sensibilizzazione, informazione ed educazione ambientale dei bambini.

Conosciamo l’importanza che assumono nella società moderna l’educazione alla raccolta differenziata e il riciclaggio dei rifiuti, ma è altrettanto importante abituare i bambini ad un comportamento più responsabile nei confronti dell’ambiente e a ricercare sempre di produrre meno rifiuti. Un vecchio slogan pubblicitario recitava “Prevenire è meglio che curare”, un adagio che si adatta perfettamente al discorso sui rifiuti. Educare le nuove generazioni: è ciò che la Ludoteca Riù cerca di fare, nella convinzione che i bambini sono gli uomini di domani e che l’azione “riformatrice” dei più giovani può avere effetti positivi già da subito, nei confronti degli adulti, purtroppo abituati al consumo scriteriato.

E Riù sceglie di farlo con il gioco ed il divertimento, attraverso attività che oggi appaiono rivoluzionarie, come costruire una valigia, un giocattolo o addirittura una macchina per riciclare la carta, utilizzando materiali di scarto. Con il risultato che il bambino si diverte, riscopre una creatività sempre più rara in era play station e impara che il mondo non è un prodotto usa e getta. Il Comune di Santa Maria Nuova e la Cooperativa Forestalp di Sirolo che gestisce Riù erano convinti della validità dell’idea, ma forse non speravano in questi risultati.

In cinque anni, il nome della Ludoteca ha fatto il giro della regione e non solo: le scuole del territorio vanno in visita a Santa Maria Nuova per conoscere da vicino questa realtà, vengono organizzate mostre itineranti ed allestite scenografie per rappresentazioni di teatro per ragazzi. Un attaccapanni costruito dai bambini con legno di scarto si è classificato al terzo posto ad un concorso nazionale organizzato da Rilegno. Due recenti progetti hanno definitivamente consacrato Riù: l’iniziativa Riù…sorridi all’ospedale Salesi e il convegno organizzato due settimane fa nell’ambito di Eco & Equo ad Ancona.

Del progetto al Salesi si è parlato tanto. La Ludoteca svolge da circa un anno attività ludiche e didattiche nell’ospedale infantile anconetano. Un’occasione per distrarre i ragazzi dalla seriosità dell’ospedale e per diffondere la cultura della prevenzione dei rifiuti. Inutile sottolineare l’importanza di questa iniziativa, basta dire che i bambini si sono affezionati a questo grande gioco, tanto da “costringere” medici, infermieri e tutto il personale dell’ospedale ad un comportamento più responsabile nei confronti dell’ambiente. Il convegno di Eco & Equo è servito a mettere a confronto le realtà più importanti, a livello nazionale, nel settore della didattica legata al mondo dei rifiuti. Un momento di riflessione e di scambio che ha suscitato grande interesse, mentre i bambini si divertivano nello spazio giochi allestito da Riù all’interno dello spazio espositivo.


ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 ottobre 2006 - 9600 letture