x

SEI IN > VIVERE JESI >

Il piccolo Matteo: dopo l'autopsia subito i funerali

1' di lettura
1538
EV

Sarà effettuata da un perito "esterno", un medico nominato da fuori regione, l'autopsia sul corpo del piccolo Matteo Fiordelmendo, il bimbo di 6 anni morto venerdì scorso a causa di un'embolia provocata in seguito alla frattura di un gamba.

L'esame autoptico sarà eseguito da un perito nominato dal pubblico ministero Mariangela Farneti che non dovrà conoscere i medici dell'ospedale jesino per garantire un'assoluta imparzialità.

All'esame autoptico assisteranno i periti di marti, incaricati dalla Asur 5 e dalla mamma di matteo, Patrizia Piaggesi, assistita dal legale Francesco Nucera del foro di Ancona.

Sarà proprio il referto dell'autopsia infatti ad accertare la causa della morte del piccolo Matteo e a stabilire le eventuali responsabilità dei medici.

E se la Asur di Jesi ha avviato un'indagine interna a scopo conoscitivo, la magistratura a già emesso tre avvisi di garanzia per altrettanti medici, indagati per ipotesi di omicidio colposo. Sono il medico del Pronto Soccorso che ha eseguito l'ingessatura, il gessista che aveva bloccato provvisoriamente la gamba di Matteo prima dell'ingessatura, e il pediatra che ha dimesso il piccolo la mattina del 30 ottobre.

Una volta eseguita l'autopsia, potrà essere celebrato il funerale di Matteo, anche nella giornata di domani.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 novembre 2006 - 1538 letture