x

SEI IN > VIVERE JESI >

Falconara: incontro tra Comuni, Cam e Anconambiente

2' di lettura
1241
EV

I Sindaci dei Comuni di Falconara e Ancona e i Presidenti di Anconambiente e Cam ritengono indifferibile uno sforzo comune per perseguire gli obiettivi e le prescrizioni previsti dal Piano Provinciale dei rifiuti per una gestione ottimale del ciclo integrato dei rifiuti solidi urbani.

da Riccardo Recanatini
sindaco di Falconara

Considerate le evoluzioni normative introdotte dal D.Lgs 152/2006 “Decreto ambientale”, che individuano alcuni elementi fondamentali quali: l’obiettivo di una gestione sovraccomunale dell’intero bacino finalizzata ad instaurare criteri di efficacia ed economicità nelle attività del ciclo dei rifiuti: raccolta, trasporto, trattamento e smaltimento; lo sviluppo di una gestione della raccolta e nel trasporto dei rifiuti finalizzati a raggiungere l’obiettivo minimo del 35% nella raccolta differenziata.
Considerato inoltre che il Comune di Ancona si è reso disponibile a realizzare nel proprio territorio l’impianto di trattamento e selezione dei rifiuti così come previsto dal Piano Provinciale.

Tutto ciò premesso, i Sindaci si impegnano a :

- avviare uno studio finalizzato a definire il processo di aggregazione delle due società – sentito ovviamente il parere degli altri Comuni soci delle società e/o affidatari del servizio - attraverso un incarico da conferire ad un advisor esterno individuato di comune accordo;

dare mandato alle società di igiene ambientale di proprietà dei Comuni ad instaurare forme dirette di collaborazione con il Consorzio Intercomunale Conero Ambiente nell’attività di progettazione dell’impianto di selezione e trattamento dei rifiuti;

sviluppare la progettazione di attività ritenute di interesse comune;

coinvolgere da subito gli altri Comuni del bacino 1 per trovare forme di collaborazione per una politica condivisa nella gestione dei rifiuti ed un loro coinvolgimento diretto nella compagine sociale.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 dicembre 2006 - 1241 letture