Quantcast

La Monte Schiavo grande anche in Europa

3' di lettura 30/11/-0001 -
Nella gara di andata degli ottavo di finali validi per la Champions, la Monte Schiavo batte per tre set a uno la squadra turca Vakifbank Gunes Istambul.

da Monte Schiavo Banca Marche


Nella gara d’andata degli ottavi di finale, la Monte Schiavo è scesa in campo con Marinova al palleggio, Togut opposta, Calloni e Bown al centro, Cella e Rinieri in banda. Dopo aver lasciato a casa con la febbre Zamora, Abbondanza ha recuperato Zilio che ha avuto gli stessi problemi di salute fino a ieri e ha preferito utilizzare Cella al posto di Jaqueline, non in perfette condizioni. L’avvio del match è tutto di matrice jesina, con la Monte Schiavo che prende rapidamente il largo (16-7 e 20-9). Togut e compagne mostrano di avere un tasso tecnico superiore e mettono grande aggressività nei vari fondamentali, ad iniziare dal servizio: il set fila via liscio senza grossi problemi e senza condizionamenti da parte del numeroso e caldo pubblico di Istanbul.

Nel secondo, le ragazze di Abbondanza non riescono a tenere la stessa concentrazione del parziale precedente ed iniziano con difficoltà (3-1 e 8-6 per le turche). Cala l’efficienza del servizio e riprende coraggio il Vakifbank, impostando un gioco più veloce e “redditizio” con le centrali. La situazione va comunque a migliorare per la Monte Schiavo Banca Marche che resta superiore in banda e reagisce bene all’avvio stentato (16-13 e 18-15). Le jesine riescono a gestire i punti di vantaggio e a tenere distanti le avversarie. Nel terzo set, la Monte Schiavo si trasforma e lascia completamente il campo in mano alle padrone di casa. Manca la lucidità tra le rossoblu che sbagliano pure tanto in attacco. L’Istanbul si esalta in difesa e tiene molto bene a muro.

Abbondanza prova alcuni cambi ma non ottiene grossi cambiamenti: le turche non ci stanno a perdere 3-0 davanti a tremila spettatori. Si va così al quarto parziale dove la formazione jesina torna a fare il suo gioco. Al primo time-out tecnico è avanti 8-3, un vantaggio che si va via via ampliando fino al 20-8. Il tecnico jesino utilizza Jaqueline al posto di Cella e Giogoli al posto di Marinova. la squadra soffre un po’ in ricezione ma si comporta meglio in attacco e fa sua la vittoria. Giovedì 15 febbraio, alle ore 20.30, presso il PalaTriccoli, si giocherà la gara di ritorno di questi ottavi di finale ad eliminazione diretta.

VAKIFBANK GUNES ISTANBUL: Hakyemez 5, Kirdar G., Yeldan L, Ozbek 5, Soroglu, Agca 1, Correa 13, Shapova 14, Guler n.e., Katelnikova 11, Kirdar O, Soloviova n.e. All. Buzayev

MONTE SCHIAVO BANCA MARCHE JESI: Petkova 1, Togut 14, Giogoli, Marinova 1, Rinieri 14, Bown 10, Zilio L, Jaqueline 2, Calloni 10, Cella 10. All. Abbondanza

ARBITRI: Stefan Hank (SVK) e Ljubomir Kovacevic (SGR)

PARZIALI: 13-25, 18-25, 25-7, 13-25

NOTE: durata set: 17’, 21’, 17’, 20’; Vakifbank: attacco 35%, battute errate 5, battute vincenti 3, ricezione 63% (39%), errori 12, muri 12; Monte Schiavo: attacco 41%, battute errate 11, battute vincenti 7, ricezione 64% (perfetta 45%), errori 8, 9.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 febbraio 2007 - 1205 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV