Quantcast

Il farmaco non ci dà affetto e non ci dà solidarietà

1' di lettura 30/11/-0001 -
L’Associazione dei Familiari ATENA, nata nella Vallesina a tutela dei diritti delle persone con disagio mentale e dei loro circuiti familiari, esprime profondo dolore per il grave episodio accaduto nei giorni scorsi che ha coinvolto un giovane con problemi psichici di Monsano.

da Enrica Matteucci
Presidente Athena


Esprime altresì un forte rammarico per come il fatto è stato trattato da una parte dei mass-media che in modo irresponsabile non si rendono conto degli effetti devastanti che la sola rievocazione della riapertura dei manicomi provoca nelle persone con sofferenza psichica.
L’indignazione nei confronti dei mass-media è ancora maggiore perché azzera il lavoro, già difficile, di tutti coloro che operano per creare una rete sociale libera da pregiudizi, consapevoli del fatto che “il farmaco non ci dà affetto e non ci dà solidarietà”.

A questo punto è doveroso chiedersi: la riapertura dei manicomi ci preserverebbe da questi atti violenti?

Noi, come Associazione Atena, pensiamo che per superare lo stigma e la sofferenza abbiamo bisogno di solidarietà e non di enfatizzare episodi, seppur gravissimi, come questi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 febbraio 2007 - 1525 letture

In questo articolo si parla di





logoEV