Quantcast

Staffolo: due fratelli ubriachi pestano un turista irlandese ed una ragazza

2' di lettura 30/11/-0001 -
Due fratelli G.M. C. e D. C. rispettivamente di 20 e 29 anni, in evidente stato di ebrezza, hanno pestato un ragazzo irlandese ed una sua amica di Staffolo.

di Michele Pinto
michele@vivere.marche.it


Nei giardini pubblici di Staffolo, per futili motivi, i due fratelli hanno avuto un diverbio con un cittadino irlandese di 30 anni in ferie a Staffolo e con una sua amica di Staffolo.
I due fratelli in un crescendo di inaudita violenza hanno affrontato lo straniero colpendolo al viso e facendolo rovinare a terra ove continuavano a inveire su di lui con calci e pugni.
La prima a correre in difesa del ragazzo è stata la sua amica che a sua volta veniva colpita dai due.

Per evitare il peggio alcuni ragazzi che si trovavano in quel luogo hanno allontanato i due aggressori.
Intanto qualcuno ha avvisato i Carabinieri che si sono precipitati sul posto.

I Carabinieri dopo aver fatto caricare i feriti nell’ambulanza del 118 che ha portato i due ragazzi all’ospedale di Jesi, hanno rintracciato i due fratelli che ancora si trovavano nei giardini.

Alla vista dei militari che chiedevano di seguirli in caserma i due fratelli hanno iniziato a minacciare gli stessi nel tentativo di intimorirli e di guadagnarsi l’impunità.
Il tentativo si è però rivelato vano e i due fratelli, ormai ridotti alla ragione sono stati tradotti presso il carcere di Montacuto a dispostone dell’Autorità giudiziaria.

Il ragazzo ferito è stato giudicato guaribile in 30 giorni per trauma cranico commotivo e altri gravi lesioni a carico del volto, la ragazza è guaribile in gg 7 per trauma cranico non commotivo e lesione agli arti.

I due fratelli sono stati accusati, di aver, in precedenza, danneggiato un parabrezza di un pulman in uso a un gruppo folkloristico proveniente dalla Grecia e ospite del Comune di Staffolo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 agosto 2007 - 1152 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV