Quantcast

A lezione contro le truffe: i Carabinieri incontrano gli anziani

2' di lettura 30/11/-0001 -
L’Arma incontra gli anziani per prevenire truffe e raggiri. Ieri sera a Serra dè Conti, nuovo capitolo degli incontri dei carabinieri alla popolazione.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Ai circoli Coltivatori Diretti e Fili d’Argento, i comandanti della Compagnia di Jesi e della Stazione cittadina hanno fatto opera di sensibilizzazione per avvertire la popolazione sul fenomeno delle truffe che spesso vanno di pari passo con la terza età.

Vari gli esempi: dai finti funzionari di banca che con la scusa di ricontrollare le banconote della pensione appena riscossa le sostituiscono con soldi falsi, alla falsa eredità con richiesta di anticipo spese notarili. C’è il trucco del gelato o del caffè (uno vi urta al bar macchiandovi la giacca e si prodiga per “ripulirla”) e via andando in un turbinio di finti venditori di preziosi, finte beneficenze, funzionari di aziende pubbliche, santoni.

I consigli sono sempre gli stessi ma è bene ricordarli. Non aprire agli sconosciuti e non farli entrare in casa. Diffidare degli estranei che vengono a trovarvi in orari inusuali, soprattutto se in quel momento siete soli in casa e comunque, prima di aprire la porta, controllare dallo spioncino e, se avete di fronte una persona che non avete mai visto, aprite con la catenella attaccata. Eventualmente accertarsi della sua identità facendosi mostrare un tesserino di riconoscimento ma se il dubbio continua, telefonare all’Ente del quale l’individuo dice di essere per accertarsi sulla sua identità. Naturalmente non utilizzando numeri dati dallo stesso sconosciuto, visto che all’altro capo potrebbe esserci un complice.

Non dare soldi a sconosciuti che dicono di essere funzionari di Enti pubblici o privati di vario tipo. Utilizzando i bollettini postali avrete un sicuro riscontro del pagamento effettuato. Mostrare cautela nell'acquisto di merce venduta porta a porta;

In generale, per tutelarsi dalle truffe occorre diffidare sempre dagli acquisti molto convenienti e dai guadagni facili: spesso si tratta di truffe o di merce rubata. Non partecipare a lotterie non autorizzate e non acquistare prodotti miracolosi od oggetti presentati come pezzi d'arte o d'antiquariato se non si è certi della loro provenienza.

Non accettare in pagamento assegni bancari da persone sconosciute. Non firmare nulla che non vi sia chiaro e chiedere sempre consiglio a persone di fiducia più esperte di voi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 agosto 2007 - 1068 letture

In questo articolo si parla di





logoEV