Volley: Banca Marche e Pieralisi ancora insieme per la Monte Schiavo

30/11/-0001 -
Competere da grandi in campionato e in Champions League.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


E’ questo l’obiettivo delle vicecampionesse d’Italia della Monteschiavo Banca Marche che ieri hanno presentato il rinnovato accordo di sponsorizzazione che lega l’istituto bancario alla Giannino Pieralisi Volley già da 7 anni. E che anni, con la squadra jesina da allora e consecutivamente protagonista nel campionato di A1.

La squadra ha subito qualche ritocco: via Marinova, Jaqueline, Petkova, Zilio e Giogoli sono arrivate le brasiliane Marcelle e Gattaz, più Tonelli, Negrini, Puerali e Bedin. “Il campionato – spiega il coach Marcello Abbondanza – si presenta di livello mediamente più basso ma con quelle 5/6 squadre che lotteranno fino alla fine. Sarà essenziale lavorare bene sia dal punto di vista fisico che tecnico per essere pronti al finale di stagione, da marzo in poi”.

E dopo la stretta di mano tra sponsor e squadra, è tempo di parlare di campagna abbonamenti. Avrà inizio il 3 settembre e quest’anno la novità è rappresentata dalla tessere Club Cuore Rosso Blu: un ticket da 500 euro per i possessori di partita iva che oltre a tutti i confort dell’abbonamento Gold (posto numerato in tribuna, servizio hostess, sala hospitality) darà la possibilità di pubblicizzare il proprio marchio in un totem all’ingresso del PalaTriccoli. In più, poster con autografo, gadget e un abbonamento a tariffa ridotta.

Alla presentazione hanno partecipato anche Raffaella Calloni ed Elisa Togut. “Speriamo che gli jesini – dice la Calloni, confermata per il secondo anno a Jesi - possano fare tifo ancora di più per noi, sono calorosi e appassionati, spero che accada come per le partite del basket”. La capitana Togut invece, rilancia la sfida al campionato. “Non abbiamo vinto la finale – dice - abbiamo ancora un po’ di amaro in bocca, ma siamo sempre lì, non è facile confermarsi ad alto livello. La nuova Monte Schiavo è una squadra competitiva, lavoreremo in tante sin da subito e anch’io per la prima volta mi allenerò a partire da agosto con la squadra. La Nazionale? Ho bisogno di riposo, ho cominciato con l’azzurro a 14 anni ed ora è arrivato questo momento. Non chiudo i rapporti, la mia non è una rinuncia definitiva. Ho bisogno di una pausa ecco tutto, poi se mi vorranno ancora non mi tirerò indietro, l’anno prossimo ci sono le Olimpiadi”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 agosto 2007 - 1111 letture

In questo articolo si parla di