In prognosi riservata la 74enne che ha tentato il suicidio

30/11/-0001 -
E’ ancora riservata la prognosi di B.A., la 74enne jesina che domenica mattina ha tentato di togliersi la vita, tagliandosi il collo con un coltello del tipo utilizzato per tagliare il prosciutto.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


La donna era stata subito trasferita a Torrette in eliambulanza per le ferite riportate dopo l’insano atto.

Tanto il sangue perso con la lama che era arrivata persino a toccare la giugulare. I carabinieri di Jesi hanno confermato quanto testimoniato dalla figlia di B.A., colei che era riuscita a scoprire la madre all’interno di una stanza adibita a sgabuzzino, intenta a suicidarsi.

L’anziana soffriva da tempo di problemi di depressione. Era rimasta vedova e viveva da sola in un appartamento ricavato nel casolare di campagna, in zona Villa Serena.

Lunedì mattina si è appartata e, con disarmante precisione, ha iniziato a recidersi il collo. Nello stesso stabile vive anche la figlia che scesa in casa della madre l’ha trovata ancora con il coltello in mano.

Qualche minuto di ritardo e per l’anziana non ci sarebbe stato scampo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 agosto 2007 - 895 letture

In questo articolo si parla di