Cristiano Berti verso l'assessorato alla Cultura

30/11/-0001 -
La telenovela sull’assessorato alla Cultura potrebbe finire la prossima settimana. Sembra che il sindaco Fabiano Belcecchi si sia deciso per affidare l’incarico a Cristiano Berti, più che apprezzato artista contemporaneo e figlio di Gianfranco, presidente del comitato della Vallesina di Assindustria Ancona, e che per Rifondazione Comunista ci sia pronto un ottavo assessorato.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Proprio come previsto inizialmente: il numero degli assessori era passato da sette a otto poco prima dell’ufficializzazione e tra i motivi del taglio c’era anche il contenimento dei costi della politica.

Una nobile intenzione che però si è dovuto scontrare con l’arroccarsi delle posizioni tra il primo cittadino e Rc sul nome di Alberto Sgalla. I compagni vogliono lui e solo lui alla Cultura, Belcecchi ha posto il veto sul nome. E così dopo aver trattenuto la delega per un’estate certo non esaltante sotto il profilo delle manifestazioni, Belcecchi scioglierà il dilemma che ha tenuto banco dalla formazione della nuova giunta ad oggi.

Ieri il sindaco è rimasto lontano dal palazzo comunale per motivi familiari: il padre è stato ricoverato all’ospedale di Jesi. Nulla di grave ma Belcecchi per stare vicino al genitore ha giustamente cancellato tutte gli impegni in agenda, compreso quello mattutino della presentazione della fine restauro della Fontana dei Leoni. Stando così le cose, la palla passa a Rifondazione: accetterà Sgalla l’ottavo incarico?

Oppure Rc passerà la mano e rimarrà nei banchi dell’opposizione? Ancora qualche giorno e tutto sarà ufficializzato.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 31 agosto 2007 - 1394 letture

In questo articolo si parla di





logoEV