Quantcast

Al via il settimo festival Pergolesi Spontini con Adriano in Siria

3' di lettura 30/11/-0001 -
Con l’“Adriano in Siria” si apre il settimo Festival Pergolesi Spontini. Ieri sera la prova generale dello spettacolo che domani vivrà la sua prima jesina (con bis il 9) ma la mente corre già al 2010 quando per il decennale del Festival si pensa già ad una mega rassegna che durerà tutto l’anno e proporrà l’opera omnia pergolesiana.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Intanto ieri, la presentazione degli attori e dello spettacolo. Per l’allestimento del regista spagnolo Ignacio Garcia si tratta della prima assoluta italiana. Lo scenario è quello del campo di battaglia, figura chiave per il regista che di Adriano pensa “come ad una storia di uomini e delle loro gesta, una storia sulla guerra e sul dolore, sull’inventiva che ha l’uomo per distruggere. Nessuno ne esce pulito e il rifugio per tutti sono i sentimenti”.

Cast quasi completamente femminile ad esclusione di Carlo Allemanno (Osroa, il re dei Parti). L’opera infatti, nel ‘700 era interpretata da eunuchi. Due secoli più tardi, sono le donne le principali protagoniste che rivesto ruoli maschili: la soprano ucraina Olga Pasichnyk interpreterà il guerriero parto Farnaspe, Marina Comparato (contralto) sarà l’imperatore romano Adriano, la mezzosoprano Lucia Cirillo vestirà i panni della principessa Emirena, la mezzosoprano Francesca Lombardi sarà il Tribuno Aquilio, la soprano americana Nicole Heaston interpreterà la nobildonna romana Sabina.

Dirige la compagnia di canto e l’Accademia Bizantina, uno fra i complessi più stimati nel panorama musicale internazionale, il M° Ottavio Dantone . I costumi sono di Zulima Memba del Olmo.

L’auspicio – ha commentato Leonardo Animali del CdA della Fondazione – è che il Festival rappresenti un grande appuntamento per la musica italiana e per riproporre le figure di Pergolesi e di Spontini”.

Alla presentazione hanno partecipato anche il direttore esecutivo William Graziosi, il direttore artistico della Fondazione Federico Pupo, l'amministratore delegato Carlo Nasi, il direttore d'orchestra Ottavio Dantone e la compagnia di canto di Adriano in Siria.

Il Festival di quest’anno, dedicato al tema “Immagine di Roma”, proseguirà con un concerto di musiche di A. Corelli (sabato 8 alle 21, teatro Ferrari di San Marcello), il concerto “Da Vestale a Norma: reminiscenze dall’opera romantica” (martedì 11 alle 21, teatro Condominiale La Fortuna di Monte San Vito), le marionette della storia Compagnia Carlo Colla e Figli in “La Vestale” di Gaspare Spontini (martedì 12 alle 21, teatro Spontini di Maiolati), il clavicembalo di Edward Smith (giovedì 13 alle 21, chiesa degli Aroli di Monsano).

Ancora. Concerto per pianoforte con musiche di Mozart, Spontini, Beethoven, Schumann, Bellini, Liszt a Montecarotto (venerdì 14, teatro Comunale), lo spettacolo “Le grazie di Isabella” a Monte Roberto (sabato 15, Villa Salvati) per chiudere domenica 16 con un concerto d’organo alla chiesa di Santo Stefano a Maiolati Spontini. Tutta la manifestazione sarà trasmessa da Rai Radio3.








Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 settembre 2007 - 1146 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV