Quantcast

Cna: scarsa adesione allo Sciopero del Pane

2' di lettura 30/11/-0001 -
Da un’indagine condotta dalla CNA zona di Jesi risulta estremamente scarsa, addirittura impercettibile e sconosciuto per alcuni fino alla nostra domanda, l’adesione allo “sciopero del pane”.

da Cna Jesi


I panificatori intervistati hanno confermato un aumento contenuto del prezzo del pane dal 5% al 15% (con un minore aumento dei prezzi nei piccoli centri) rispetto agli aumenti registrati delle materie prime: aumento grano da 13 fino a 30 cents/Kg (con punte di incremento fino al 100%) aumento farina da 15 fino a 55 cents/Kg (con percentuali medie intorno al 40-50%).

“Gli operatori della zona – dichiara Stefano Sargentoni, responsabile Sindacale Zona di Jesi - si sono dichiarati costretti ai ritocchi dei prezzi, che sono stati attuati solo da Settembre, dopo aver assorbito per mesi, a danno degli utili, l’aumento dei costi delle materie prime, delle utenze di energia, gas ed acqua e della pressione fiscale. L’intera categoria, già alle prese con le abituali difficoltà del settore (reperire validi collaboratori disposti a sostenere gli orari ed i ritmi di lavoro che l’attività richiede, un pesante regime fiscale, un mercato in profonda trasformazione nei gusti dei consumatori…), si dichiara urtata nella sensibilità e nella professionalità dalla forte campagna mediatica che addita l’intero settore come principale protagonista dei rincari”.

La situazione, analizzata con la CNA Alimentare della provincia di Ancona, necessita di nuove strategie di mercato che permettano la sopravvivenza delle piccole imprese operanti nel settore della panificazione. Per questo occorre concentrarsi su nicchie di mercato, producendo prodotti specifici ad alto valore aggiunto, facendo percepire al consumatore la professionalità e la qualità del prodotto realizzato. Questo soprattutto per differenziarci dalla concorrenza della grande distribuzione organizzata.

Un ulteriore risposta potrebbe essere rappresentata dell’aggregazione in rete, già attuata dalla CNA in altri settori, che permetta di far si che più panificatori della Vallesina e della provincia di Ancona trovino forme di collaborazione e sinergia per abbattere i costi di produzione e sviluppare assieme strategie di vendita e distribuzione.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 settembre 2007 - 930 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV