Quantcast

Una sola tessera per il libero accesso a tutti gli impianti sportivi cittadini

2' di lettura 30/11/-0001 -
Tante le idee della Giunta comunale per rilanciare il ruolo della “Città dello Sport” come ribadito in un apposito convegno di qualche settimana fa.
L’idea nasce dall’esigenza di allargare sempre di più la fetta di sportivi assicurando a tutti, anche a chi pratica attività fisica in maniera non agonistica e individuale, un accesso più agevole agli impianti.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


D'altronde anche il programma di mandato, recentemente presentato in consiglio comunale, sottolinea questa intenzione. Tra gli altri programmi il rilancio degli impianti e la salvaguardia del PalaScherma, considerato ora (dopo aver rischiato di essere demolito per far spazio ad appartamenti) “uno straordinario patrimonio”.

Sarà inoltre rilanciato il ruolo della Consulta dello Sport. Infine qualche diktat per le società sportive che intendono collaborare con il Comune. Come annunciato qualche mese fa dal sindaco Fabiano Belcecchi, tutte si dovranno munire di defibrillatore. Altrimenti addio contributi. Inoltre le società sportive dovranno aderire alla “Carta dello Sport” del Panathlon che fissa i principi etici della pratica e dell’insegnamento sportivo dei giovani. Richiesto anche l’utilizzo di personale con titoli professionali e nel rispetto delle competenze dei contratti di lavoro.

Gli interventi per lo sport – spiegano in Comune – vanno considerati come un aspetto qualificante del welfare e come tale un investimento ed una spesa produttiva, riconosciuta e valorizzata”.

Da qui l’intenzione di portare lo sport anche nelle scuole e tra gli anziani. Per gli studenti sono pronti appositi progetti sportivi che coinvolgeranno anche i campioni delle varie discipline e il Coni. Per quanto riguarda gli anziani, invece, si sta pensando ad un progetto, dedicato anche ai disabili, per le attività non solo all’interno di strutture ma anche in parchi e spazi all’aperto. Progetti ma anche manifestazioni. Si sta pensando infatti ad una festa cittadina dello sport da organizzare insieme a tutte le società e a tornei tra Jesi e le città gemellate.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 02 novembre 2007 - 1037 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV