Quantcast

I rifiuti si separano in casa, anche a Jesi parte la raccolta differenziata

1' di lettura 30/11/-0001 -
Jesi apre le porte alla raccolta differenziata dei rifiuti e pone come obiettivo di arrivare il prima possibile al 70%.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Come? Con il porta a porta. Attualmente in città le isole ecologiche riescono a portare la raccolta a circa il 20% ma con il nuovo sistema l’Amministrazione comunale, in collaborazione con JesiServizi e Cir33, pensa di riuscire a raggiungere importanti risultati anche nell’ottica di ridurre la quantità di rifiuti da portare in discarica. Un mano all’ambiente ma anche alle casse comunali.

Il progetto partirà dal prossimo marzo e da subito interesserà un quinto della popolazione jesina. Entro l’inizio del 2009 il sistema si estenderà a tutta la città. E per far entrare meglio i cittadini nella nuova ottica saranno organizzati incontri e iniziative soprattutto dedicate alle scuole. Le famiglie jesine saranno dotate di cinque piccoli bidoni per raccogliere separatamente carta, plastica, vetro, umido e indifferenziati. La raccolta sarà effettuata in giorni prefissati durante i quali le famiglie dovranno svuotare i bidoncini “personali” in appositi cassonetti più grandi e condominiali.

Ad esempio, a Monsano, il calendario delle raccolte prevede tutti i giorni: i rifiuti organici il lunedì e il venerdì (periodicamente anche il mercoledì), rifiuti normali il martedì, vetro il mercoledì, carta il giovedì, plastica e metalli il sabato. Carta, vetro, plastica e metalli saranno ritirati dai consorzi per il trattamento e il riutilizzo, mentre i rifiuti organici saranno impiegati per la produzione di compost fertilizzante per l’agricoltura.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 novembre 2007 - 967 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV