Quantcast

La Regione fa quadrato su Interporto e sul suo CdA

1' di lettura 30/11/-0001 -
Dopo le polemiche dei giorni scorsi i consiglieri regionali di maggioranza e opposizione hanno visitato l’area ed hanno chiesto lumi al presidente Roberto Pesaresi sui tempi di partenza della struttura.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Siamo stati qui – spiega il consigliere di Forza Italia Enrico Cesaroni – per capire cosa succede e raccomandare l’inizio dell’attività il prima possibile. Ci interessa lo sviluppo economico e vogliamo dare una mano al CdA”.

Duro l’intervento della repubblicana Katia Mammoli. “E’ ora di finirla con le polemiche. Abbiamo preferito venire qui a sapere lo stato dell’arte e tenere da parte le speculazioni politiche che fanno solo danni. Una commissione d’inchiesta è stata chiesta anche in Regione ma la maggioranza l’ha bocciata perché questo poteva creare timori tra i cittadini e gli investitori”.

Infine per Badiali (Pd) “Interporto è arrivata alla sua fase finale che è anche la più complicata. I lavori vanno avanti e il CdA ha il nostro appoggio”.

Entro massimo due anni Interporto dovrebbe partire in maniera completa. Pesaresi ha ribadito la volontà di “non voler più rispondere agli insulti. La nostra missione era quella di sistemare i problemi che si erano creati nel passato e noi ci siamo riusciti. Chi ha veramente a cuore Interporto deve capire che le polemiche sono controproducenti. Tutte le decisioni del CdA e dell’assemblea dei soci sono state prese all’unanimità. Qui non c’è nessuno che si alza la mattina e decide per tutti”.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 novembre 2007 - 997 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV