Quantcast

Piste civlabili nella bassa Vallesina: un progetto da mettere in rete

1' di lettura 30/11/-0001 -
L’impegno a valorizzare l’area della bassa Vallesina, come noto sempre interessata da attività industriali e da infrastrutture a forte impatto ambientale, ha determinato interventi normativi e finanziari specifici per un’area definita ad alto rischio di crisi ambientale.

da Giuliano Brandoni
consigliere regionale PRC-SE


Gli interventi sono di varia natura, tra gli altri quelli che puntano a valorizzarne il patrimonio ambientale ancora esistente.

Le piste ciclabili sono tra queste opportunità. Il fatto che il comune di Falconara abbia sollecitato qualche tempo fa interventi in tal senso da parte della Regione è sicuramente positivo, tuttavia quelle risorse meritano di essere messe in un progetto più largo che riguarda tutti i comuni dei territori dell’area ad alto rischio ed avere il sostegno di una progettualità compartecipata, anche finanziariamente, che moltiplichi la qualità dell’intervento.

Tanto più che già comuni come Chiaravalle. Montemarciano e Monte San Vito hanno, per parte loro, realizzato pezzi di piste ciclabili che con interventi adeguati potrebbero essere messe in rete. L’interrogazione allegata sarà, mi auguro, motivo di stimolo e di riflessione per utilizzare al meglio le risorse su questo territorio tanto delicato.

Clicca qui per leggere l'interrogazione





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 novembre 2007 - 1071 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV