Quantcast

Fabriano: rispettate le indicazioni dell'Agenzia per il Risparmio Energetico

3' di lettura 30/11/-0001 -
Alcuni chiarimenti dell’Agenzia per il Risparmio Energetico sulle modalità delle verifiche degli impianti termici della Provincia di Ancona ad esclusione di quelli ubicati nei territori comunali di Ancona e Senigallia.

da Agenzia per il Risparmio Energetico


L’Agenzia per il Risparmio Energetico s.r.l. è l’organismo incaricato dalla Provincia ad effettuare il servizio di verifica degli impianti termici nel rispetto delle norme di risparmio energetico, come previsto dal D.P.R. 412/93, D.P.R. 551/99 e delle norme transitorie art. 12 del D.Lgs 192/05 con Determinazione del Dirigente n. 421 del 28/04/2006.

L’Agenzia in questo periodo sta effettuando nel territorio del Comune di Fabriano le verifiche degli impianti che risultano “non autocertificato” a seguito della mancata adesione all’iniziativa “CALDO SICURO 2005-2006” promossa dalla Provincia di Ancona. L’Agenzia ha proceduto alla individuazione degli impianti termici presenti nel territorio di competenza della Provincia di Ancona (tramite i dati forniti dalle aziende distributrici di combustibile su richiesta della Provincia) e all’individuazione degli impianti per i quali non risulta pervenuta alla scrivente l’autocertificazione dello stesso impianto come previsto dalla normativa vigente. L’autocertificazione dell’impianto consisteva nell’invio all’Ente competente: della documentazione attestante l’avvenuta manutenzione dell’impianto termico da parte di un tecnico abilitato (redatto secondo l’allegato H al D.P.R. 551/99 o all’allegato G al D.Lgs 192/05; di un versamento pari a 5,00 euro effettuato sul c.c.p. n. 18058602 intestato alla Amministrazione Provinciale di Ancona, Servizio Tesoreria secondo la tempistica e le modalità stabilite dalla Provincia di Ancona e comunicate all’utenza dalla Stessa Provincia.

La modalità e la tempistica per l’autocertificazione è stata stabilita dalla Giunta Provinciale e consisteva nella spedizione della documentazione sopra menzionata all’Agenzia per il Risparmio Energetico di Ancona (A.R.E.) all’indirizzo CP 422 – 60100 Ancona o nella consegna a mano presso l’ufficio addetto alla raccolta delle autocertificazione presso i Comuni che hanno aderito, volontariamente, alla richiesta della Provincia di Ancona, entro e non oltre il 30 giugno 2006 (scadenza prevista dopo la concessione della proroga dal 30 aprile).

A tal proposito, in data 16 novembre 2005, il IX settore – tutela dell’ambiente Area Ecologia ha inviato una lettera a tutti i Sindaci dei Comuni della Provincia di Ancona (presso le loro sedi, ad esclusione dei Comuni di Ancona e Senigallia) in cui si richiedeva di collaborare all’iniziativa predisponendo presso uno degli uffici comunali uno sportello di raccolta delle autocertificazioni presentate dai cittadini, così da facilitare la consegna dei moduli e dando la possibilità ai cittadini di depositare le autocertificazioni presso il Comune di residenza. Nella stessa lettera si richiedeva che al termine del periodo previsto il materiale raccolto sarebbe stato consegnato all’Agenzia per il Risparmio Energetico, incaricata dalla Provincia della raccolta delle autocertificazioni.

Nella lettera non si richiede né il controllo da parte degli addetti comunali della correttezza della documentazione consegnata al Comune, né di protocollare i documenti in arrivo. Infatti il controllo della documentazione spettava all’Agenzia per il Risparmio Energetico come previsto dall’incarico datole dalla Provincia. Il fatto che alcuni uffici comunali abbiano apposto un timbro di arrivo della documentazione e abbiano controllato che vi fossero almeno i due documenti richiesti (senza comunque esprimersi sulla loro correttezza) è un servizio che gli uffici comunali hanno offerto in più ai loro cittadini.

Per quanto riguarda il Comune di Fabriano questo ha aderito alla richiesta della Provincia di Ancona incaricando per la raccolta delle autocertificazioni l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (U.R.P.). L’ufficio ha rispettato in pieno le indicazioni fornite nella richiesta ed ha consegnato come previsto le autocertificazioni ritirate entro i termini stabiliti e concordati con la scrivente Agenzia per il Risparmio Energetico.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 novembre 2007 - 1572 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV