Quantcast

Jesi é Jesi contro Belcecchi e la sua non volontà di investire nella cultura

1' di lettura 30/11/-0001 -
E così ancora una volta l’Amministrazione Comunale si appresta a non organizzare un bel niente per gli appuntamenti di maggior socializzazione dei cittadini.

da Matteo Marasca
Capogruppo Movimento Democratico


Ancora una volta, dopo i fallimenti di Jesi Estate, siamo costretti a prendere atto di come il Sindaco, trincerato nel suo ufficio in Piazza Indipendenza in atto di elargire stipendi d’oro ai propri dirigenti, non ascolti il bisogno crescente in città di rivitalizzare culturalmente una città oramai spenta.

La gente chiede un segno, un gesto anche semplice, ma la notizia diffusa di solo 1700 euro per organizzare Natale e Capodanno non fa che aumentare la rabbia e la rassegnazione per vedere una grande città, ricca di associazioni, colorarsi di un grigio scuro. Città limitrofe alla nostra, sia grandi che meno grandi, investono molto su questi appuntamenti, noi dobbiamo prendere atto che chi governa vive una forte crisi d’identità: il centrosinistra che governa non può sottovalutare che il valore dello stare insieme possa essere accantonato per lasciare spazio alla solita politica dei partiti.

Il Movimento Democratico presenterà un’interrogazione in Consiglio Comunale per chiedere lumi in merito e tutto il centrosinistra che oggi siede all’opposizione continuerà la propria battaglia contro gli sprechi e i privilegi per favorire forti investimenti nella cultura e non solo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 novembre 2007 - 933 letture

In questo articolo si parla di