Quantcast

Lotta all'evasione: recuperati oltre 670 mila euro da Ici e Tarsu

3' di lettura 30/11/-0001 -
Oltre 670 mila euro è la somma recuperata dall'Ufficio Tributi del Comune di Jesi nell'ambito delle azioni di contrasto all'evasione dell'Ici e della tassa rifiuti.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it


Per quanto riguarda l'imposta comunale sugli immobili, l’accertamento, così come previsto dalla legge finanziaria, era relativo agli anni di imposta a partire dal 2002. Un accertamento eseguito attraverso un doppio controllo incrociato: da una parte la differenza tra quanto dichiarato e quanto versato da ciascun contribuente, dall’altra il confronto tra i dati del catasto e dell’anagrafe tributaria. L’esito dei controlli, elaborati grazie a nuovi supporti informatici di cui si è dotato l’Ufficio, ha prodotto quasi 3000 provvedimenti di liquidazione o di accertamento (ogni provvedimento è riferito ad un anno di imposta) per un importo complessivo di 350 mila euro, cifra che rappresenta il 4,5% del gettito complessivo Ici 2007 che è stato pari a 8 milioni di euro.

L’evasione è stata in molti casi parziale, ma significativo è anche il numero di evasori totali. Così come se da una parte è elevato il numero di errori commessi in buona fede, non sono mancati i casi di chi ha provato ad eludere tale imposta in maniera più o meno evidente.

Per tutti la possibilità di ripianare la propria posizione contributiva con le relative sanzioni previste per legge. Ma per qualcuno l’attività di accertamento dell’Ufficio Tributi ha prodotto anche positive sorprese: è il caso di 430 contribuenti che si sono visti restituire le somme versate in eccedenza per poco meno di 70 mila euro. Nel corso del 2007 l’Ufficio ha anche predisposto il ruolo coattivo Ici per qualche centinaio di contribuenti che non avevano proceduto ad effettuare i pagamenti richiesti entro il dicembre 2005: si tratta in questo caso del recupero delle somme relative agli anni di imposta 1999-2000-2001 per un importo complessivo di 36 mila euro. Sono state, infine, irrogate 558 sanzioni amministrative a quei contribuenti che pur avendo regolarmente versato non hanno presentato la dichiarazione Ici.

La lotta all'evasione sulla tassa rifiuti solidi urbani ha permesso al Comune di Jesi di iscrivere a ruolo importi per complessivi 285 mila euro. I controlli sono stati effettuati sia sulle abitazioni sia sulle attività produttive ed hanno interessato quei contribuenti che presentavano situazioni tributarie anomale. I riscontri, sviluppati convocando anche in Ufficio i soggetti interessati, hanno portato all'emissione di 490 avvisi di accertamento per omessa o infedele denuncia, relativamente agli anni di imposta dal 2002 in poi.

Tra questi 320 a carico di occupanti locali ad uso abitazione e 170 per occupanti locali di attività produttive. Sempre nel corso del 2007, gli uffici comunali hanno inoltrato 980 comunicazione a nuovi contribuenti (600 per locali uso abitativo e 380 per locali uso attività produttive). Dei 285 mila euro iscritti a ruolo, 175 mila sono stati già riscossi, i restanti 110 mila andranno in riscossione nell'esercizio suppletivo dell'anno in corso. E se si considera che il servizio di smaltimento rifiuti è finanziato esclusivamente con tale tributo (tanto si spende, tanto rientra tramite la Tarsu), è facile capire che la lotta all'evasione consente di recuperare un significativo gettito che permette di evitare ulteriori aumenti della tassa rispetto a quelli già previsti in considerazione dei maggiori costi di smaltimento.

“L’attività di accertamento compiuta dagli uffici sull’Ici e sulla tassa rifiuti - ha spiegato l'assessore alle finanze Vincenzo Sorana - ha determinato anche nel corso del 2007 un positivo risultato, in linea con l'azione dell’Amministrazione comunale che proprio nel programma di mandato ha indicato tra gli obiettivi da raggiungere anche quello di una migliore capacità di entrata attraverso un rafforzato contrasto dell’evasione e dell’elusione tributaria, oltre all’ampliamento della base imponibile che consentirà così la diminuzione delle aliquote a carico dei cittadini”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 gennaio 2008 - 1124 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV