Quantcast

Maiolati: a teatro... con Gastone

4' di lettura 30/11/-0001 -
Mercoledì 16 gennaio prosegue la stagione del Teatro Spontini di Maiolati - realizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Maiolati Spontini e dell’Amat e con il contributo di Banca Popolare di Ancona e Sogenus - con Gastone di Ettore Petrolini con Massimo Venturiello, che firma anche la regia, e Tosca.

da Amat


Dopo Maiolati Gastone sarà in scena al Teatro Marchetti di Camerino il 17 gennaio nell’ambito della stagione promossa dal Comune di Camerino e dall’Amat (info al n. 0737 636041, inizio spettacolo ore 21,15, biglietti da euro 22,00 a euro 7,00).

Gastone ha rappresentato il prototipo di una nuova comicità che, prendendo spunto dalla realtà, s’arrampica sulle scale impervie dell’assurdo, del nonsenso, dell’idiozia. Gastone, questa parodia d’eroe dannunziano, tutto cinismi e fatua eleganza, era assai più di una macchietta, era la creazione autonoma di uno scrittore che era contemporaneamente un grandissimo interprete.

Scrive Massimo Venturiello nelle note di regia: “Il personaggio Gastone, forse la più grande invenzione di Petrolini, è il simbolo di un'esaltazione scenica, minata dal vuoto di valori. È la maschera di un teatro comico popolare, sorto in un'epoca in cui iniziavano a farsi sentite i germi di quella grave malattia, che ha segnato la vittoria dell'apparenza sulla sostanza, dell'immagine sul talento vero. Gastone è un attore del varietà, e, almeno nelle sue speranze, del nascente cinema, è un primo attore spiantato, che monta e smonta compagnie, vantando “piazze” e credibilità che in fondo non ha. Eppure il suo narciso sfrenato e la sua auto-esaltazione, uniti a un sarcasmo talvolta feroce e cinico, danno a questo personaggio un fascino irresistibile.

Lo incontriamo nel momento in cui crede di essere giunto a una svolta importante: ha appena conosciuto una ragazza del popolo, Lucia, grande talento vocale, ambiziosa e sognatrice. Forte della sua scoperta, cerca di convincere un impresario a produrgli uno spettacolo, con la sua sgangherata compagnia di ballerine e fantasisti. Non dovrà faticare molto, perché l'impresario, rapito dalla straordinaria voce della ragazza, si lancerà a capofitto in questa avventura, che li condurrà a un debutto in provincia, dove si segnerà l'inizio della promettente carriera di Lucia che, dopo il grande successo della serata, lascerà senza scrupoli Gastone, accecata dalle promesse e dalle lusinghe dell'impresario. In scena una decina di attori che cantano e ballano, per raccontare un gustosissimo affresco di un mondo di artisti così lontano ma al tempo stesso così vicino a quello ben più smaliziato e cinico dei nostri giorni. Io stesso interpreterò il ruolo di Gastone e al mio fianco, nel ruolo di Lucia, ci sarà Tosca.”

Gli altri protagonisti dello spettacolo – prodotto da La Contemporanea in coproduzione con Padiglione delle Meraviglie / Modestina Caputo e in collaborazione con Astiteatro 28 – sono Franco Silvestri, Camillo Grassi, Antonio Fornari, Claudia Campagnola, Alessandro Greggia, Lara Raffaello, Cinzia Ricciardi, Renato Merlino. La drammaturgia è di Nicola Fano, le musiche di Germano Mazzocchetti, le scene di Alessandro Chiti, i costumi di Sabrina Chiocchio, le coreografie di Fabrizio Angelini e le luci di Vincenzo Raponi.

Per informazioni e biglietti (platea intero € 18, ridotto € 15, diritto di prevendita di € 1 fino al giorno precedente lo spettacolo): biglietteria del Teatro Pergolesi dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 17 alle ore 19.30 tel. 0731 206888. È possibile acquistare il biglietto intero anche presso l’Agenzia Federico II Viaggi di Moie (0731 704949) dalle ore 9 alle ore 12.30 e dalle ore 16 alle ore 19.30. Sono inoltre attive le prevendite presso le filiali di Banca Marche e on line nel sito www.fondazionepergolesispontini.com La biglietteria del Teatro di Maiolati sarà aperta da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo per la vendita dei biglietti (secondo disponibilità dei posti). Inizio spettacolo ore 21.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 gennaio 2008 - 1192 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV