Quantcast

Nessun ritardo dell'azienda consortile per i servizi sociali

1' di lettura 30/11/-0001 -
L'azienda consortile per i servizi sociali non ha subito alcun ritardo e l'anno 2008 come data di inizio attività era prevista nel rigoroso rispetto della tabella di marcia condivisa tra i Comuni aderenti.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it


Dal momento che la nuova Finanziaria vieta la possibilità di costituire un nuovo soggetto pubblico in un territorio già ricondotto ad Ambito, qual è quello dei servizi sociali, il problema si sarebbe presentato se l'azienda fosse partita tanto il 1° gennaio quanto qualche mese più tardi. Fosse nata invece lo scorso anno, proprio in virtù di quanto disposto dalla Finanziaria, si sarebbe dovuta immediatamente sciogliere.

Ciononostante l'Amministrazione comunale di Jesi ha richiesto una immediata interlocuzione politica alla Regione Marche affinché tale ente fornisse immediate risposte in ordine all'applicabilità dell'articolo della Finanziaria, anche per capitalizzare il grande lavoro tecnico, scientifico ed amministrativo compiuto in questi mesi. In tale contesto il Comune di Jesi ha ricevuto dall'assessore regionale Marco Amagliani formale assicurazione circa l'approvazione della legge regionale attuativa delle 328/2000 con la quale si definiscono forme associative più forti di quelle attuali, con relativi incentivi.

Su tale percorso politico l'Amministrazione comunale continuerà ad indirizzarsi, senza perdere di vista l'indispensabile ed importante confronto con tutti i soggetti partner istituzionali per definire al meglio una strategia condivisa che abbia come fine ultimo la migliore organizzazione dei servizi sociali per la popolazione dell'intera Vallesina.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 gennaio 2008 - 1091 letture

In questo articolo si parla di