Quantcast

Chiaravalle: Favilla, dibattito per l'ampliamento del polo commerciale

3' di lettura 30/11/-0001 -
Interrogazione del consigliere comunale Franco Favilla in merito all’attivazione del tavolo istituzionale per l'accordo di programma intercomunale relativo all’ampliamento del polo commerciale – direzionale in zona casello autostradale Ancona Nord.

da Franco Favilla
capogruppo consiliare del PRC


Il sottoscritto Consigliere comunale

letta

la lettera datata 10 gennaio 2008 con cui il Sindaco di Chiaravalle ed il sub commissario del comune di Falconara M.ma hanno provveduto a convocare per il giorno 1 febbraio p.v. la prima riunione del tavolo istituzionale di cui alla procedure previste dall’art. 34 del D.Lgs. 267/2000 per l’attivazione dell’accordo di programma intercomunale per l’ampliamento del polo commerciale – direzionale adiacente il casello autostradale di Ancona nord;

considerato che

la proposta presentata dalla ditta Sviluppo Ancona-Nord s.r.l., e definita forse eufemisticamente ampliamento dell’insediamento già convenzionato nel territorio di Chiaravalle – che interessa attualmente una superficie territoriale di 28.023 mq. – interesserà complessivamente un’area di 190.000 mq. su cui saranno realizzati insediamenti per circa 75.000 mq. di cui 30.000 mq. destinati a centro commerciale;

considerato altresì che

tale proposta è stata definita da entrambe le Amministrazioni firmatarie della lettera di convocazione “meritevole di accoglimento”;

letto che

la società che ha redatto il progetto di ampliamento avanza proposte anche in merito alle soluzioni viarie da adottarsi per “eliminare l’eventuale criticità connessa al traffico che dovesse utilizzare la viabilità locale per arrivare al nuovo Polo” e si impegna a realizzarne alcune tra cui una strada di circonvallazione dell’abitato di Castelferretti ed il collegamento tra questa e la rotatoria lungo la strada provinciale per Osimo, nonché un ponte sul fiume Esino adiacente a quello ferroviario;

ricordata

la risposta del Sindaco di Chiaravalle, nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale dell’11 gennaio u.s., all’interrogazione del consigliere Andrea D’Ascanio

chiede di conoscere

1-quali atti formali della Giunta comunale tali da far definire “meritevole di accoglimento” la proposta in oggetto abbiano preceduto l’invio della lettera di convocazione del tavolo istituzionale ed in quali date siano stati assunti;
2-perché su un progetto di così rilevante impatto urbanistico, ma anche economico e sociale, nonostante gli ormai quotidiani richiami alle forme della partecipazione di cui anche gli Amministratori chiaravallesi fanno sfoggio, non si sia inteso sviluppare un adeguato dibattito nelle commissioni consiliari e nel Consiglio comunale, preventivamente all’attivazione di tavoli tecnico-politici sovracomunali.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 gennaio 2008 - 1276 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV