Quantcast

Sulla Sadam i sindacati accusano Coldiretti

1' di lettura 30/11/-0001 -
Sconcertanti le accuse della Coldiretti. Fai Cisl e Flai Cgil replicano alle associazioni degli agricoltori.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


“Il bacino bieticolo del centro Italia è ormai perduto per responsabilità dei bieticoltori, che si sono rifiutati di proseguire la produzione pluriennale, e a dirlo non sono stati i sindacati ma il ministro dell'Agricoltura”.

Nei giorni scorsi la Coldiretti aveva accusato i sindacati di non essere stati capaci di rappresentare i dipendenti dello zuccherificio. Anche se l'accordo sull'impianto di Jesi salvaguarda l'occupazione diretta, ricordano i sindacati di categoria, è “inconfutabile che tutto il processo produttivo legato alla filiera agricola è destinato a scomparire”. Senza dimenticare, sottolineano Fai e Flai, che i contributi Ue che andranno alla Sadam (70 milioni di euro) e agli agricoltori (30 milioni) sono soldi della collettività.

Nel primo caso però, con la riconversione garantiranno comunque lavoro e ricchezza collettiva, mentre i contributi destinati agli agricoltori “resteranno appannaggio della sfera privatistica dell'impresa”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 febbraio 2008 - 1954 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV