Quantcast

Fabriano: anche il Comune aderisce a M’illumino di meno

4' di lettura 30/11/-0001 -
Anche quest'anno l'Amministrazione comunale di Fabriano ha deciso di aderire all’iniziativa nazionale denominata “M’ILLUMINO DI MENO” consistente nello spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili.

dal Comune di Fabriano
www.comune.fabriano.an.it


La manifestazione si terrà venerdì 15 febbraio dalle 18 alle 19,30.
L’adesione del Comune di Fabriano consisterà nel dare massima diffusione ai cittadini del decalogo delle buone pratiche per il risparmio energetico, invitando inoltre i dipendenti di tutte le strutture comunali ad attuare quanto in esso contenuto e nello spegnere parzialmente le luci nelle seguenti vie cittadine:
Parco di Viale Moccia, viale Zonghi, via La Spina, Viale Moccia, via Cialdini, via Miliani, Cortina San Nicolò (da zero zasello fino a Ceresola), Viale Stelluti Scala, Via Campo Sportivo, Via Don Minzoni Alta (Collevillano), Viale XIII Luglio.

In collaborazione con l’Amministrazione provinciale, inoltre, sempre venerdi dalle ore 18 alle ore 20 in piazza del Comune sarà allestito un gazebo per diffondere le buone pratiche di risparmio energetico e distribuire lampadine a basso consumo. Alla informazione ed alla distribuzione parteciperanno il presidente della Provincia di Ancona, Patrizia Casagrande, il sindaco Roberto Sorci e gli assessori all’ambiente della Provincia, MarcelloMariani, e del Comune di Fabriano, Mario Paglialunga.

Buone abitudini per il 15 febbraio (e anche dopo!)
1. spegnere le luci quando non servono
2. spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici
3. sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria
4. mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola
5. se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre
6. ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
7. utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
8. non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni 9. inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni
10. utilizzare l’automobile il meno possibile e se necessario condividerla con chi fa lo stesso tragitto.

Buone azioni per l’ambiente ed il risparmio familiare

- I consumi energetici di casa possono essere ridotti considerevolmente utilizzando saggiamente riscaldamento, illuminazione ed elettrodomestici. Basta poco per salvaguardare l'ambiente e il proprio portafogli. - Non regolare il riscaldamento mai oltre i 20° (come previsto dalla legge 10/91 sul risparmio energetico); per ogni grado in più i consumi crescono del 7%.
- Se stai ristrutturando casa, installa doppi vetri termoisolanti: un migliore isolamento termico dell'edificio significa un considerevole risparmio.
- Fai una regolare revisione della caldaia : se questa è in perfetta efficienza consuma circa il 5% in meno.
- La Finanziaria prevede incentivi per chi rende energeticamente più efficiente la propria casa installando doppi vetri, impianti ad alta efficienza energetica, pannelli solari: utilizziamoli.
- Utilizza lampadine a fluorescenza e non a incandescenza (quelle tradizionali): avrai un risparmio annuo di circa 63 euro per un appartamento di 100 mq. - Spegni le luci non necessarie, ad esempio passando da un ambiente all'altro; puoi ridurre sino al 30% i tuoi consumi per l'illuminazione.
- Se puoi, sostituisci il tuo vecchio frigorifero con un nuovo modello ad alta efficienza energetica: nel 2007, approfittando dell' incentivo (fino a 200 euro) previsto in Finanziaria, risparmi sull'acquisto e anche la tua bolletta sarà più leggera.
- Spegni sempre TV, Hi-Fi e videoregistratori anziché lasciarli in stand-by, poichè non è vero che in stand - by il consumo è nullo: può arrivare sino al 20% del consumo dell'apparecchio quando è in funzione.
- Accendi lo scaldabagno solo prima di far la doccia (o quando serve effettivamente acqua calda): puoi abbattere sino al 50% i relativi consumi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 febbraio 2008 - 1011 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV