Quantcast

Furti e scarsa luminosità in via Rosi

3' di lettura 30/11/-0001 -
Nei giorni scorsi si è consumato un tentativo di furto, fortunatamente finito senza gravi conseguenze, nei pressi di un condominio di Via Rosi confinante con il parco del Cannocchiale.

da Alessandro Viventi - II Circoscrizione Jesi Ovest


Purtroppo, duole dirlo, i malintenzionati sono stati con ogni probabilità agevolati dall’oscurità in cui versa quella parte del parco.

La Circoscrizione Ovest da mesi e più volte aveva segnalato agli uffici competenti la necessità di installare due nuovi lampioni in quel preciso punto, e ciò specialmente perchè vi sono delle abitazioni immediatamente a ridosso del parco che confinano con una zona totalmente all’oscuro.

Prima però una breve premessa: la Circoscrizione Ovest sin dai primi mesi di attività si è adoperata per risolvere i problemi segnalati dai cittadini, raggiungendo alcuni piccoli, ma comunque importanti risultati. Sono state apposte delle strisce di parcheggio in Piazza Bramante per evitare il parcheggio dei camion in una zona impropria, si è installato un divieto di sosta in via Primo Maggio perché l’incrocio con via Ragazzi del ’99 era coperto dalle auto in sosta, si sono concordate con delle apposite assemblee con i residenti le modifiche della viabilità di Via Giani, Via Mancini e Via Montessori, quest’ultima ancora da perfezionare con l’installazione di alcuni paletti, si è modificata la segnaletica dell’incrocio pericoloso tra Viale Verdi e Via Solazzi, ed altro ancora.

E’ inoltre in programma per primavera una manutenzione straordinaria degli arbusti e delle siepi del parco del Cannocchiale stesso ed è in cantiere un progetto, concordato con l’assessore ai lavori pubblici Tonelli, per la riqualificazione dell’area verde di Via Jugoslavia.

Tutto ciò è stato ovviamente possibile grazie alla collaborazione dell’assessore stesso, ma ancor prima degli Uffici Mobilità e Manutenzione Verde. Purtroppo, spiace molto constatare come tale collaborazione non c’è stata con l’Ufficio Manutenzione Strade Urbane, che si è dimostrato spesso sordo alle segnalazioni dei cittadini raccolte dalla Circoscrizione.

Inoltre, se a volte tale comportamento poteva essere giustificato dalla carenza di fondi e di personale, in altre occasioni si è dovuta riscontrare una semplice mancanza di volontà a porre rimedio ai vari problemi. Tanto per fare un esempio nei pressi del Polisportivo Cardinaletti è stato segnalato da tempo che uno dei lampioni si spegne alle ore 22.30 circa, lasciando all’ oscuro una gran parte dell’area verde, ma nulla si è fatto per porre rimedio.

Quindi il tentato furto nell’abitazione di Via Rosi forse poteva essere evitato se quella parte del parco del Cannocchiale dirimpetto al condominio fosse stata illuminata a dovere, come ripetutamente segnalato e richiesto, perché probabilmente proprio in quella zona i malintenzionati hanno effettuato gli appostamenti.

Tale proposta era stata avallata anche dall’assessore Tonelli, con il quale c’è sempre stata una piena e fattiva intesa; ma l’Ufficio ha evitato di installare i nuovi punti luce per motivi che ignoro, alimentando un senso di frustrazione e di scontento sia tra i cittadini della zona, ora molto spaventati da questo grave episodio, che tra i membri della Circoscrizione stessa.

Ci si chiede quindi a cosa valgano tutti i discorsi sulla sicurezza della città, che abbiamo letto di recente sulle cronache, se poi non si presta attenzione all’illuminazione pubblica, requisito indispensabile per garantire la vivibilità di Jesi.

Mi auguro, in definitiva, per il bene della città, di assistere in futuro ad un atteggiamento più collaborativo con la Circoscrizione e più attento ai bisogni del cittadino, le cui lamentele non devono più restare inascoltate come è successo in questo caso.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 febbraio 2008 - 1364 letture

In questo articolo si parla di





logoEV