Quantcast

La mostra di Paolo Annibali entusiasma Roma

2' di lettura 30/11/-0001 -
Oltre cinquecento persone all’inaugurazione della mostra romana.

da Noicultura


Si è inaugurata venerdì 15 febbraio a Roma presso il Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro la mostra di Paolo Annibali “Opere 1997 2007”. Il pubblico della Capitale ha risposto positivamente e con una forte affluenza alla serata inaugurale.

L’evento coordinato nella sua totalità dall’associazione Noicultura di Jesi, struttura specializzata nell’organizzazione di eventi culturali, ha preso il via alle ore diciotto con una conferenza di presentazione. Il primo a prendere la parola è stato Paolo Spinucci, presidente del Pio Sodalizio dei Piceni, l’illustre associazione dei marchigiani a Roma che ha ospitato l’evento, il quale si è mostrato felice ed orgoglioso di presentare presso i loro spazi espositivi un artista maturo come Paolo Annibali. Ad intervenire in seguito è stato Don Vincenzo Catani, direttore dei Musei Sistini, che ha appassionatamente illustrato l’opera dello scultore sambenedettese.

Dopo un emozionato e commosso ringraziamento del Maestro, il sottosegretario agli affari regionali Colonnella ha chiuso la presentazione enfatizzando il rapporto e la sinergia tra l’arte di qualità e la promozione del territorio. La mostra si snoda lungo tutto il percorso del complesso monumentale e racconta la storia della produzione artistica degli ultimi dieci anni di Paolo Annibali. Questa iniziativa ha l’obiettivo di illustrare, come anticipato in un articolo apparso sul settimanale Panorama, che l’arte di Paolo Annibali è in grado di tradurre in un linguaggio di facile accesso concetti religiosi di difficile comprensione, rispondendo perfettamente alla primaria necessità pastorale della Chiesa di comunicare con l’intera comunità dei fedeli.

L’operazione culturale appare di grande spessore, sia per l’importanza dell’ente, il Pio sodalizio dei Piceni, che ha messo a disposizione la sede espositiva, sia per la qualità delle opere presentate. In mostra oltre cinquanta sculture a tema sacro e laico e oltre venti disegni. La sede espositiva posizionata in uno dei luoghi più suggestivi del centro di Roma, a pochi passi da Piazza Navona, sapientemente allestita dal design Tania Bini, è riuscita a dare una lettura ancora più completa ed emozionante dell’opera dell’artista.

Si prevede un forte afflusso di autorità religiose e civili a questo grande evento che posiziona Paolo Annibali tra gli artisti di riferimento del panorama dell’arte contemporanea. La mostra è supportata da un catalogo edito dall’importante casa editrice d’arte Skira di Milano con importanti testi critici del critico milanese Flaminio Gualdoni per la parte laica e Monsignor Carlo Chenis.
La mostra rimarrà aperta ad esclusione della domenica pomeriggio tutti i giorni sino al 15 marzo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 febbraio 2008 - 1156 letture

In questo articolo si parla di





logoEV