Quantcast

Sentenza Ap: reintegrati i tre dipendenti licenziati

1' di lettura 30/11/-0001 -
Saranno reintegrati a pieno regime tre operai della Ap che hanno intentato causa per ingiusto licenziamento.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Il Tribunale di Ancona si è espresso in favore di Ruggero Segnan, Giorgio Morresi e Fabrizio Grassetti, dipendenti dell’azienda di Moie, che nel febbraio del 2006 furono licenziati – addirittura Segnan ad un passo dalla pensione – ufficialmente per una riorganizzazione dell’intera struttura.

Una cassa integrazione scattata per loro, e per altri sei colleghi, a circa sei mesi dall’insediamento della nuova proprietà, la Racim di Pescara di Nicola Di Sipio, che l’aveva rilevata dopo la scomparsa del presidente Guglielmo La Scala.

I guai arrivarono con gli ispettori dell’Inps e della direzione Provinciale del Lavoro che in soli due giorni confutano parola per parola quanto riportato nella dichiarazione di licenziamento, non ravvisando alcuna contrazione della produzione e respingendo la richiesta di cassa integrazione. Addirittura la Ap, che aveva dichiarato una “temporanea ed imprevedibile contrazione dei carichi di lavoro”, nel primo trimestre 2007, aveva registrato un aumento del volume di affari di circa il 12% rispetto allo stesso periodo del 2006. Ovvio anche, lo stop immediato degli ammortizzatori sociali previsti per i lavoratori. Ed ora, dopo anni di partite nella aule di giustizia, la sentenza restituisce ai tre il posto di lavoro.

”Non abbattersi e non avvilirsi mai, al contrario lottare, lottare lottare sempre” esclama Segnan.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 febbraio 2008 - 1551 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV